I sindacati dei pensionati Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil scendono in piazza in tutta Italia per protestare contro la decisione del governo di tagliare la rivalutazione delle pensioni. Anche a Genova, davanti alla Prefettura, si è svolto questa mattina un presidio per dire no a “una legge di bilancio sbagliata, miope e recessiva, che taglia ulteriormente su crescita e sviluppo, lavoro e pensioni, coesione e investimenti produttivi, e che chiude al Paese, e in particolare alle sue aree più deboli, una prospettiva di rilancio
economico e sociale”, si legge nella nota sindacale.

La norma contenuta nella legge di bilancio prevede la revisione del sistema di indicizzazione degli assegni a partire da quelli da 1.500 euro riducendone così il potere d’acquisto.

In Liguria quasi un pensionato su due è colpito dalla manovra del governo: si tratta di 233.506 persone, pari al 48,2% sul totale dei pensionati, così ripartiti: Genova 137.564 pari al 51,6%, Imperia 21.944 pari al 34,3%, Savona 34.565 pari al 52,5%, La Spezia 39.433 pari al 44,7%.

Da un calcolo preliminare risulta che la perdita economica complessiva ammonta a quasi 15 milioni di euro su base annua, così ripartiti: Genova 9.155.494,4, Imperia 1.366.238,9, La Spezia 1.916.775,6, Savona 2.342.914,9. La percentuale di pensionati liguri che percepiscono una pensione superiore a 3 volte il minimo è superiore a quella rilevata a livello nazionale (48,2% contro 40,8%). Tale differenza è dovuta al fatto che le
pensioni in Liguria sono prevalentemente pensioni da lavoro, frutto di vite lavorative continuative e di contributi realmente versati, nell’industria o nei servizi.

Con questa mobilitazione, spiega la nota Cgil, “si vuole denunciare con forza l’atto vessatorio contro i pensionati, che questo governo compie intervenendo nuovamente
sull’adeguamento delle pensioni all’inflazione. Diciamo basta: non si possono più usare le pensioni come il bancomat dei governi. In tre anni la manovra finanziaria sottrae 2 miliardi e mezzo dalle tasche dei pensionati, compiendo un vero e proprio furto, in particolare sulle
pensioni medio basse. Una decisione insopportabile, un clamoroso passo indietro rispetto a quanto i sindacati dei pensionati Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil avevano concordato con il precedente governo, e cioè il ritorno, a partire dal 1° gennaio 2019, a un meccanismo di
rivalutazione in grado di tutelare il potere d’acquisto dei pensionati italiani”.

La richiesta è quella di ritirare questa decisione, “sbagliata e punitiva verso una fascia di popolazione che meriterebbe di essere aiutata e sostenuta anche con una riduzione del carico fiscale, visto che sui pensionati italiani grava una tassazione doppia rispetto alla media europea”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.