«Nessuna notizia positiva nell’incontro di oggi al Mise su possibili nuovi carichi di lavoro in Bombardier in grado di garantire l’occupazione del sito di Vado». Lo dichiara in una nota stampa Andrea Mandraccia, segretario generale di Fiom Cgil Savona.

«Nessuno sviluppo pertanto – prosegue Mandraccia – in merito alla commessa sull’alta velocità ancora in discussione così come l’intero piano industriale di Ferrovie e nessuno sviluppo circa la collaborazione con Hitachi sulla produzione dei treni destinati al trasporto regionale. L’unica novità oltremodo negativa è la paventata possibilità che, a fronte del ritardo a oggi accumulato da Bombardier nella produzione delle locomotive DC3, Mercitalia possa esercitare la clausola prevista contrattualmente di rescissione dell’accordo. Questo, è evidente a tutti, significherebbe l’immediata chiusura del sito di Vado Ligure. È ora più che mai evidente come tutte le parti devono fare il massimo sforzo per evitare un epilogo del genere. Il gruppo Bombardier deve dimostrare di dare una concreta prospettiva al sito produttivo con i fatti perché di parole ne sono state fatte fin troppe. Le istituzioni devono fare uno sforzo superiore a quello ad oggi messo in campo, anche in considerazione del fatto che il Comune di Vado rientra tra quelli decretati area di crisi industriale complessa, coinvolgendo tutti i soggetti le cui azioni possono avere riflessi positivi sulla vertenza a cominciare da Ferrovie. Non sappiamo più come ripetere che il rilancio industriale e occupazionale della nostra provincia passa attraverso la messa in sicurezza di Piaggio, Laerh e Bombardier. Domani mattina alle 10 si terrà l’assemblea dei lavoratori per un aggiornamento delle iniziative di mobilitazione».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.