Prima il teatro e ora il cinema: Amt stringe una nuova alleanza con la cultura genovese, questa volta con Circuito Cinema Genova. Obiettivo: stimolare i cittadini ad andare al cinema di sera, sfruttando il ritorno a casa gratuito in autobus o metro.

A partire da oggi, sarà possibile usare il biglietto delle sale del circuito (i cinema Ariston, City, Corallo, Odeon e Sivori) al posto del titolo di viaggio sui mezzi della rete Amt (tranne Volabus e Navebus): la promozione vale per i film che iniziano dopo le 18,30, il biglietto del cinema deve essere usato nelle quattro ore successive all’inizio dello spettacolo.

 

 

 

 

“A teatro con il bus”, Amt e Carlo Felice insieme per stimolare l’uso dei mezzi pubblici

«Carlo Felice e Gog, che hanno incontrato grande soddisfazione da parte degli utenti, e ora cinema − commenta Marco Beltrami, amministratore unico Amt − l’obiettivo è fare una sinergia tra trasporto pubblico e cultura facilitando l’accesso alla fruizione culturale. Come Amt non puntiamo solo a portare sempre più persone sui mezzi, ma anche dimostrare che nelle ore serali esiste un servizio pubblico e renderne i cittadini genovesi sempre più consapevoli».

Le sale aderenti, dal canto loro, sfruttano questa occasione per promuovere il cinema di qualità, provando così a mettere a segno un punto a loro favore nella “battaglia” contro le multisala. Una battaglia che proprio di recente ha causato nuove vittime: «Non possiamo certo dire che sia un buon periodo, stiamo stringendo i denti − spiega Alessandro Giacobbe, amministratore delegato e direttore artistico di Circuito Cinema Genova − Puntiamo sulla diversificazione dell’offerta per allargare il nostro pubblico: non solo film commerciali, ma anche film in lingua, un nostro cavallo di battaglia che piace molto anche ai giovani, e più ricercate pellicole italiane ed europee che attirano un pubblico particolarmente interessato al cinema di qualità».

La collaborazione tra Circuito Cinema e azienda di trasporto pubblico si sviluppa anche su altri fronti: la comunicazione nelle sale e le agevolazioni per gli abbonati Amt CityPass sull’abbonamento top al Circuito.

«Si evita di usare la macchina, dover cercare parcheggio e si può sfruttare il mezzo pubblico gratuitamente. E se ci si reca al cinema per godersi una pellicola di qualità, tanto meglio − dice l’assessore alla Mobilità del Comune di Genova, Stefano Balleari − Il binomio cultura-mobilità è un altro modo per educare i genovesi a muoversi in un’ottica sostenibile».

Da sinistra: Stefano Balleari, Barbara Grosso, Alessandro Giacobbe e Marco Beltrami

Commenta Barbara Grosso, assessore alla Cultura del Comune di Genova: «Credo che questa iniziativa rappresenti un’opportunità in più per i cittadini e per l’immagine di Genova, che si certifica come città fruibile in ogni ora della giornata e con una buona varietà di proposte di spettacoli».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.