«Sono qui per constatare i danni e per portare l’esigenza della regione intera al Consiglio dei ministri, che faremo tra giovedì e venerdì, nella dichiarazione dello Stato d’emergenza non può non esserci la Liguria. E dovrà esserci anche un commissario che abbia la possibilità di seguire procedure semplificate: queste sono emergenze che non possiamo trattare nella maniera ordinaria». Sono le parole del ministro alle Infrastrutture e Trasporti Danilo Toninelli, oggi in sopralluogo in alcuni Comuni del Tigullio, pesantemente colpiti dal maltempo della scorsa settimana.

Prima tappa Santa Margherita Ligure, poi il ministro si è recato a Portofino e infine a Rapallo, dove ha incontrato il sindaco Carlo Bagnasco e il governatore ligure Giovanni Toti. «La procedura di stato di emergenza prevede la nomina di un commissario e normalmente è la regione, immagino che si segua la pratica di sempre», ha affermato il presidente.

Oltre alla Liguria, altre dieci regioni hanno presentato la richiesta di Stato di emergenza: si tratta di Veneto, Friuli Venezia Giulia, Sicilia, Lazio, Sardegna, Calabria, Toscana, Emilia-Romagna, Lombardia e Trentino Alto Adige. Le richieste saranno trasmesse a breve a Palazzo Chigi.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.