Abb, Ansaldo Energia, Comune di Genova, Danieli Telerobot Lab, Duferco Energia, Ecomission, Iren, Erg, Ferrovie dello Stato, Ospedale Gaslini, Phase, Rina, Sat. Sono le 13 aziende del territorio genovese che ieri sera, nell’ambito della Genova Smart Week 2018, hanno ricevuto il premio Innovazione Smau, un riconoscimento alla loro capacità di innovazione con il digitale.

Diversi i settori coinvolti, dall’agrifood al manifatturiero, dal chimico al fashion, fino alle amministrazioni e agli enti locali.

A partire dal Comune di Genova, che ha presentato R2Cities con cui sviluppare e dimostrare una strategia accessibile e facilmente replicabile per progettare, realizzare e gestire progetti di ristrutturazione urbanistica su larga scala, a livello di quartiere, per raggiungere l’obiettivo di città quasi a energia zero. A questo scopo, sono stati realizzati dei dimostratori con strategie molto innovative e soluzioni per la ristrutturazione energetica degli edifici a livello di quartiere. I tre siti dimostrativi scelti sono Kartal (Turchia), Valladolid (Spagna) e, appunto, Genova.

Sat, Servizi ambientali territoriali, azienda pubblica che opera in 14 Comuni del Ponente ligure, ha avviato già da qualche tempo il servizio innovativo di raccolta di rifiuti a Noli, Spotorno e Vezzi Portio, utilizzando campane smart il cui riempimento è monitorato attraverso sensori. Solo i cittadini che hanno una chiave Rfid (Radio Frequency IDentification) possono conferire i rifiuti differenziati tra vetro, carta, plastica e indifferenziato secco. La chiave è connessa direttamente con la banca dati dei comuni per la verifica del pagamento della tassa rifiuti.

Ferrovie dello Stato hanno invece ricevuto il premio Smau per Greenhub , il progetto tecnologico, nato a settembre, a cui hanno lavorato il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, con il supporto delle società Rete Ferroviaria Italiana e Italferr, Sirti e otto startup italiane ed europee. Il tutto progettato nell’ambito di Open Italy 2018, un programma del Consorzio Elis che nasce per coniugare le esigenze di innovazione di grandi aziende con la necessità di crescita delle startup. Il progetto, attraverso l’installazione sperimentale multi sorgente Dynamo, unisce sostenibilità ambientale, efficientamento energetico e tecnologia innovativa. Si tratta di un’installazione multi sorgente concepita per erogare nuovi servizi di ricarica per device alle persone: l’obiettivo è quello di trasformare le stazioni italiane in nuove piazze urbane di aggregazione e incontro in cui le persone possano trovare nuovi servizi.

Premiato anche l’ospedale Gaslini con il suo progetto bio-informatico che ha l’obiettivo di integrare le piattaforme che sono già presenti e correlarle ai dati clinici dei pazienti per lo sviluppo di terapie personalizzate, applicandole in particolare alle malattie rare, quelle malattie che non hanno cure disponibili.

Lo strumento grazie al quale il Rina ha ricevuto il premio Smau (foto di apertura) è RINACube, una piattaforma digitale in grado di dialogare con ecosistemi tecnologici preesistenti. In questo senso, la digitalizzazione, per Rina, si declina attraverso un nuovo modello di business che combina le competenze tecniche dell’azienda con una tecnologia digitale in cloud, in grado di aggregare dati e servizi software modulari costruiti intorno a un asset, sia esso una nave, una centrale rinnovabile, una raffineria o un impianto manifatturiero.

Un riconoscimento anche ad Ansaldo Energia, non tanto per un progetto specifico, quanto per il suo percorso innovativo degli ultimi anni: dal primo Lighthouse Plant del Piano Industria 4.0, alla cybersecurity delle infrastrutture critiche, l’azienda ha avviato importanti investimenti nella trasformazione digitale per migliorare la qualità e le performance dei suoi prodotti e l’efficacia e l’efficienza dei suoi processi in tutta la catena del valore.

Danieli Telerobot Lab è stata premiata invece per la sua innovazione in campo riabilitativo: la messa a punto di un guanto robotico in grado di movimentare le dita della mano seguendo una programmazione semplice ma allo stesso tempo auto adattativa alle esigenze riabilitative del paziente.

Erg ha ricevuto il premio innovazione Smau con Re-Generation Challenge 2018: lo scopo sociale dell’iniziativa è promuovere un’attività di responsabilità sociale in quei territori in cui Erg opera, con i quali viene stipulato un vero e proprio patto nel favorire il più possibile lo sviluppo sostenibile di quelle aree.

Nel settore delle utility, Duferco Energia è stata la prima società a garantire ai possessori stranieri di veicoli elettrici la possibilità di ricarica in Italia su un circuito nazionale, consentendo la finalizzazione dell’acquisto online, con pagamento via PayPal e inviando all’indirizzo desiderato la Card per usufruire della rete con continuità sul territorio nazionale. Un nuovo impulso alla mobilità elettrica.

Iren riceve il premio Innovazione Smau

Iren ha avviato a fine 2017 un progetto per l’introduzione di soluzioni in ambito Industria 4.0 nella Business Unit Energia, con particolare riferimento al settore manutentivo delle divisioni termoelettrica, idroelettrica e teleriscaldamento. Con la prima fase, chiusa al termine del 2017, è stato redatto un Piano Industria 4.0, nel quale sono state individuate 19 iniziative negli ambiti tematici della robotica e automazione, dell’analisi di big data e della sensoristica, con lo scopo di aumentare la sicurezza degli operatori, monitorare le infrastrutture e trasformare i dati acquisti dagli impianti in informazioni utili ai fini di manutenzione predittiva. La seconda fase, già conclusa per alcuni progetti, consiste nel test e nell’introduzione nel business delle soluzioni individuate. Anche in questo caso, come per Ansaldo Energia, il premio innovazione Smau va a un percorso aziendale che si snoda tra diverse tecnologie.

Abb riceve invece il riconoscimento per il suo centro di controllo, Collaborative Operations Center, che monitora da remoto impianti e navi in tutto il mondo e li aiuta a migliorare le performance operative e ridurre i costi di manutenzione grazie alle tecnologie digitali e alle competenze specifiche di settore.

Phase Motion Control, l’azienda che “muove” i motori più sofisticati del mondo: la sua missione è quella di essere uno dei principali produttori e fornitori di soluzioni di Motion Control avanzate. L’azienda progetta e sviluppa le soluzioni più innovative, affidabili e performanti del settore. I clienti espongono esigenze molto precise e che richiedono una ricerca ad hoc per sviluppare soluzioni innovative e non presenti sul mercato. I progetti per i quali Pmc è stata premiata sono diversi: Otis, Large Synoptic Survey Telescope, Doppelmayr, Propulsione marina ed Enel X.

Infine, la genovese Ecomission: dopo quattro anni dal lancio di Ecojumbo 5000 w, la cui produzione è definitivamente sospesa, sta per presentare il suo nuovo scooter a trazione elettrica OIKOS 1, un nuovo urban scooter in categoria L3. Un motociclo con prestazioni paragonabili a un buon 125cc endotermico.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.