Attraverserà la Liguria da Levante a Ponente la prima edizione della campagna di Legambiente Liguria che premia comunità locali, amministratori e cittadini che hanno ottenuto i migliori risultati nella gestione dei rifiuti urbani e racconterà le eccellenze del territorio con otto video storie che saranno pubblicate sui canali social dell’associazione, ogni settimana a partire da oggi, giovedì 11 ottobre.

«Eco Forum Tour si svolgerà in otto tappe che attraverso una serie di video racconti faranno conoscere le migliori esperienze, per quanto riguarda la gestione dei rifiuti, i Comuni ricicloni che hanno raggiunto e superato il 65% di raccolta differenziata, quelli che hanno avviato dei percorsi di recupero, riciclo dei materiali post-consumo, le associazioni, i cittadini che sono protagonisti insieme alle aziende dell’economia circolare», racconta Santo Grammatico, presidente regionale Legambiente Liguria.

«L’obiettivo è aumentare la qualità della raccolta differenziata − continua Grammatico − facendo conoscere quanto di buono e virtuoso si sta già facendo nella nostra regione, per stimolare altri a farlo. D’altronde non esiste una sola ricetta per migliorare la raccolta differenziata, ma diverse modalità, per questo vanno studiati progetti ad hoc per ogni territorio».

Le prime tappe: «Partiremo da Genova, dalla Fabbrica del riciclo gestita dalla Comunità San Benedetto al Porto, andata distrutta durante il crollo del Ponte Morandi, lo scorso 14 agosto − spiega Federico Borromeo, direttore Legambiente Liguria − un luogo dove venivano recuperati e rigenerati mobili, ma soprattutto un laboratorio di accoglienza e inclusione sociale. Oggi tutto questo non c’è più e il sostegno di tutti noi è necessario», aggiunge Borromeo.

La seconda tappa vedrà invece protagonista il Comune di Monterosso, nel Parco Nazionale delle Cinque Terre, che in un anno ha registrato il maggior incremento di raccolta differenziata (51%), raggiungendo così in solo un anno dal 2016 al 2017 il 76%, nonostante l’intenso flusso turistico a cui la cittadina rivierasca e sottoposta tutto l’anno.

In Val Bormida, a Cairo Montenotte sarà invece il presidente e amministratore delegato di Ferrania EcologiaMarco Castagna a raccontare come viene trattata la frazione organica dei rifiuti nell’unico biodigestore presente nella nostra regione.

I dati sulla raccolta differenziata in Liguria sono incoraggianti, ma il lavoro da fare è ancora molto: la media raggiunta nel 2017 dalla nostra regione è 48,52%. Per quanto riguarda l’anno in corso, su un totale di 234 Comuni, sono 100 quelli che raggiungono e superano l’obiettivo del 65%, quelli della città metropolitana di Genova registrano il dato peggiore con la media del 41,63%, mentre quelli della provincia savonese il 58,10%. La provincia di Imperia si attesta al 43,69% mentre quella della Spezia ha la miglior performance con il 67,03% (dati dgr 467/2018 della Regione Liguria).

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.