«Stiamo andando avanti con l’in house. volendo potremmo anche accedere all’allungamento dei termini contenuto nel decreto Genova, che ci consentirebbe di prendercela con più calma, ma credo che riusciremo a fare tutto nei tempi previsti. Non ci sono problemi».

Il vicesindaco e assessore alla Mobilità del Comune di Genova Stefano Balleari non lascia spazio a dubbi. Aggiungendo un altro tassello: «La gara di Città Metropolitana è stata ritirata».

In effetti un decreto dirigenziale dello scorso 21 settembre, ha interrotto la procedura di gara relativa all’affidamento del servizio di trasporto pubblico locale per il lotto 1 “Ambito Urbano”, mediante dialogo competitivo.

«Erano arrivate solo due offerte per il lotto 1, giudicate insufficienti, così è stato ritirato il bando», afferma Balleari a margine della conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa “A teatro con il bus“.

L’opzione è legittima, visto che l’art. 3.1 del disciplinare di gara prevedeva che, “in caso di ricezione di un numero di domande di partecipazione inferiore a un numero di tre, ci si riserva la facoltà di non proseguire la gara”.

La giustificazione contenuta nel decreto del 21 settembre riguarda il fatto che con sole 2 offerte non riuscirebbero a svolgersi delle auspicate dinamiche di raffronto e/o comparazione volte a
consentire alla Città Metropolitana di Genova di acquisire gli elementi conoscitivi del mercato comunitario e nazionale di riferimento in un ‘ottica di miglioramento della qualità, efficacia, efficienza del servizio anche in vista dell’incremento dell’utenza del trasporto pubblico locale e della diminuzione del traffico veicolare privato.

Per il lotto 2 “Ambito suburbano” di offerte ne sono arrivate 5, quindi questa parte sta andando avanti.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.