Da lunedì 17 settembre entra in vigore il nuovo orario invernale Amt. Il servizio sarà potenziato in tutte le sue componenti (autobus, metro, Navebus) per rispondere alle esigenze di mobilità dei cittadini genovesi.

Il nuovo orario prevede per gli autobus, in una giornata feriale tipo, 1.050.000 posti offerti, 67.700 km di servizio, 5.600 ore di guida. A ciò si aggiungono quest’anno le tre linee speciali (SP-MB-FP) attivate fin dai primi giorni di emergenza nelle zone della val Polcevera e del Ponente: sono i tre servizi bus aggiuntivi gratuiti che hanno aiutato i genovesi a muoversi su una rete nuova disegnata in base alle criticità create dal crollo. Da lunedì partirà, inoltre, anche il nuovo servizio studenti dedicato ai ragazzi delle zone colpite dalla tragedia.

Per far fronte all’incremento di servizio offerto Amt ha acquistato e acquisterà mezzi in pronta consegna e procederà, nel minor tempo possibile, a nuove assunzioni, dopo aver anche esplorato l’opzione di richiamare in servizio per un breve periodo personale recentemente pensionato.

Il nuovo orario invernale prevede anche un incremento delle corse in metropolitana: si conferma il nastro orario lungo delle ultime settimane e si aumenta la frequenza. Il tutto porta a quasi raddoppiare i posti offerti e a incrementare km di servizio e ore di circa il 50% rispetto all’anno scorso. Confermata anche la gratuità nel tratto Dinegro – Brin.

Anche Navebus è potenziato con un forte incremento di corse per offrire un’alternativa di spostamento ai cittadini dell’estremo ponente.

«Nelle situazioni di difficoltà Amt ha sempre dimostrato di essere a fianco della città – sottolinea Marco Beltrami, amministratore unico di Amt – Da lunedì offriremo più servizio su gomma, più metropolitana rispetto all’anno passato. Uno sforzo che impegna tutta l’azienda ma che riteniamo doveroso per aiutare i genovesi a recuperare una possibile normalità».

Clicca qui per ulteriori dettagli

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.