Uno stanziamento da 1 milione di euro destinato ai Comuni con oltre 15 mila abitanti per interventi per la sicurezza integrata, nell’ambito dello schema di Accordo da stipulare attraverso la prefettura di Genova.

Sicurezza integrata

Gli investimenti potranno riguardare esclusivamente interventi per la sicurezza integrata relativi a: litorali, parchi, aree pedonali o spiagge oltre che alla videosorveglianza mobile.

È quanto previsto nell’argomento che oggi la vicepresidente e assessore alla Sicurezza Sonia Viale porterà in giunta per l’approvazione. «Si rafforza l’alleanza tra Regione e Comuni liguri: l’obiettivo di questo documento – spiega l’assessore Viale – è attivare una ‘rete’ di sicurezza, attraverso il dialogo tra Istituzioni, potenziando anche l’integrazione tra forze dell’ordine e polizie locali, che svolgono un ruolo fondamentale per la promozione del sistema integrato di sicurezza delle città e di tutto il territorio regionale. Per questo, su input del presidente Toti, è stato stanziato 1 milione di euro: si tratta di risorse destinate prioritariamente alle dotazioni tecnologiche e alla formazione della Polizia locale, per realizzare un ‘Patto per la sicurezza’ che aiuti i sindaci nei nuovi compiti affidati loro dal governo in tema di ordine pubblico».

In particolare, 400 mila euro andranno al Comune di Genova e 600 mila euro saranno destinati ai seguenti Comuni, fino a un massimo di 60 mila euro ciascuno:

provincia di Imperia: Imperia, Sanremo, Ventimiglia (complessivamente 180mila euro di finanziamento regionale sul territorio imperiese)
provincia di Savona: Savona e Albenga (fino a 120mila euro di finanziamento regionale complessivo sul savonese)
provincia di Genova: Rapallo, Chiavari, Sestri Levante (fino a 180 mila euro complessivi di finanziamento)
provincia della Spezia: Spezia e Sarzana (fino a 120mila euro nello spezzino).

«Abbiamo individuato i Comuni sopra i 15 mila abitanti quali principali destinatari dei finanziamenti – spiega l’assessore Viale – con l’impegno da parte loro a presentare i progetti insieme ad almeno altri due comuni del loro territorio: in questo modo saranno coinvolti 30 comuni a livello regionale. Per illustrare questa iniziativa mi recherò in ciascun comune capofila, accompagnando il percorso di redazione dei progetti».

Gli investimenti dovranno essere previsti nella programmazione pluriennale del Comune ed essere approvati dal Comitato provinciale per l’Ordine e la sicurezza pubblica che esprimerà un parere, prima dell’invio della richiesta alla Regione. L’approvazione definitiva spetterà alla giunta regionale.

L’accordo avrà durata triennale e prevede anche l’implementazione e omogeneizzazione dei sistemi di videosorveglianza, l’aggiornamento professionale integrato delle forze dell’ordine e della polizia locale, la rimodulazione dei presìdi di sicurezza territoriale e l’attivazione di politiche di inclusione sociale.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.