Il Comune di Rapallo, capofila del distretto sociosanitario n. 14 avvierà a partire dal mese di settembre un nuovo servizio per assicurare e migliorare l’accesso ai servizi sociosanitari da parte dei cittadini stranieri residenti sul territorio dei quattro Comuni del distretto.

Il progetto si chiama “Oficinna – strumenti per l’accesso ai servizi” e prevede l’attivazione sul territorio di un servizio di mediazione linguistico-culturale per supportare i servizi di accoglienza, orientamento, valutazione, presa in carico per i Comuni di Rapallo, Zoagli, Santa Margherita Ligure e Portofino, con particolare riferimento all’area dei servizi per la famiglia e minori, nonché all’area dei servizi per l’inclusione sociale.

L’avvio del nuovo servizio è finanziato dalla Regione Liguria, che ha ottenuto dal ministero del Lavoro e delle politiche sociali a valere sul Fondo asilo migrazione e integrazione – Progetto 2014-2020.

In particolare saranno forniti i seguenti interventi: informazione, comunicazione, orientamento e accompagnamento per facilitare e qualificare l’accesso dei cittadini immigrati non comunitari al sistema integrato dei
servizi territoriali; erogazione servizi di mediazione interculturale; attività di supporto ai servizi sociali, socio-sanitari ed educativi, anche mediante il supporto alle equipe multi-professionali, nella presa in carico integrata e nella
definizione di programmi personalizzati di intervento rivolti ai cittadini di Paesi terzi, con particolare riferimento alle situazioni potenzialmente più fragili e vulnerabili;
interventi di orientamento al lavoro e di supporto all’inclusione; azioni di collaborazione e integrazione con altri servizi per consolidare il sistema integrato dei servizi territoriali e migliorarne la capacità di risposta ai bisogni dei
cittadini stranieri.

L’organizzazione del nuovo servizio sarà in carico al distretto, che si coordinerà con i servizi sociali dei Comuni, con le istituzioni scolastiche pubbliche e private, con le associazioni di
volontariato, con i servizi sanitari territoriali per la messa in atto degli obiettivi previsti dal progetto Oficinna.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.