La Borsa di Milano apre debole, con il Ftse Mib che segna un +0,04% a quota 21.862 punti. Piatte anche le altre principali piazze europee: Francoforte ha avviato le contrattazioni in calo dello 0,2% a quota 12.622 punti, Parigi -0,05% a 5.518 punti. Dopo i primi scambi, piatta anche Londra (+0,02 a 7721 punti).

A Piazza Affari bene le Azimut (+1%), dopo i numeri sulla raccolta di luglio, mentre perde qualcosa Pirelli (-0,1%), che ha diffuso i positivi conti del semestre a mercati chiusi (ricavi in crescita del 5,5% e un utile netto a 177,2 milioni di euro contro i 67,7 milioni di un anno fa).

Fuori dal listino principale, Banca Carige perde il 3,1% in avvio, penalizzata dal giudizio di Moody’s, che non solo ha declassato la valutazione del merito di base dell’istituto (da Caa1 a Caa2, il suo rating a lungo termine a Caa3 da Caa2 e quello relativo ai depositi a lungo termine a Caa1 da B3), ma ha preannunciato possibili nuovi downgrade, in modo da riflettere “il maggiore rischio” che la banca possa essere posta in risoluzione. Calo in apertura anche per Bper (-3,1%), nonostante la buona semestrale comunicata ieri a mercati chiusi.

Sul fronte orientale, la Borsa di Tokyo chiude in lieve ribasso dello 0,08%, sempre segnato dalla prudenza legata alle tensioni commerciali, con il Nikkei che perde 18,43 punti a 22.644,31.

Prezzo del greggio Wti stabile sui mercati a 69,2 dollari al barile (+0,13%), il Brent è trattato a 74,63 dollari al barile.

Per quello che riguarda i cambi, avvio di giornata in lieve rialzo per l’euro: la moneta unica è scambiata a 1,16 dollari. Lo yen scambia a 129,18.

Spread in lieve calo in avvio: il differenziale, nei primi scambi, segna 246 punti, rispetto ai 247 della chiusura di ieri. Il rendimento del decennale italiano è pari al 2,86%.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.