Confartigianato La Spezia, insieme a Guardia di Finanza, contro il fenomeno dell’abusivismo sulle spiagge, in modo particolare quello che riguarda la vendita di prodotti contraffatti e di servizi alla persona come massaggi, tatuaggi, acconciature.

“Se compri sei responsabile anche tu!”: questo il titolo della campagna informativa lanciata dunque dalla associazione e rivolta ai consumatori per sensibilizzarli sulla responsabilità e la cultura dell’acquisto. «Si denuncia spesso la mancanza di posti di lavoro e poi con il potere del “nostro” portafoglio alimentiamo mercati che sottraggono posti di lavoro regolari – spiega il presidente di Confartigianato La Spezia Paolo Figoli – La crisi ha ridotto la possibilità di spesa delle famiglie e la voglia di evasione aumenta quando si è rilassati sulla spiaggia. Fattori che hanno contribuito a incrementare il fenomeno, caratterizzato dall’offerta di prestazioni a prezzi contenuti e dunque concorrenziali. Una concorrenza però che non è quella auspicata dalle imprese di Confartigianato del libero mercato, della competenza o della professionalità, ma giustificata solo dalla possibilità che gli abusivi hanno di praticare prezzi ridotti non applicando la normativa fiscale, quindi evadendo, non rispettando le norme previdenziali, quelle sulla sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro, in assenza di garanzie, competenza e professionalità».

Le locandine della campagna “Se compri sei responsabile anche tu!” saranno diffuse in questi giorni in tutti gli stabilimenti balneari della provincia e il messaggio sarà diffuso anche attraverso il capillare uso dei canali social.

«Dobbiamo essere chiari – aggiunge il direttore di Confartigianato, Giuseppe Menchelli – l’abusivismo toglie gettito fiscale allo Stato, con il quale si potrebbero erogare maggiori e migliori servizi ai cittadini. Il primo grande sconto che l’abusivo pratica è del 22% cioè l’Iva non pagata allo Stato, seguono l’Irap e l’Irpef. Insomma, lo sconto dell’abusivo è a discapito di tutti i contribuenti ed è una beffa per l’impresa onesta che paga tutto, si assume responsabilità nei confronti dei clienti e dello Stato e guadagna meno di chi pratica illegalmente».

L’acquisto di prodotti contraffatti e massaggi in spiaggia è inoltre un comportamento illecito, sanzionabile con multa a partire da 200 euro, oltre al sequestro della merce.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.