Un modo per tutelare i cittadini dall’abuso della professione, un modo per essere più rappresentativi a livello istituzionale. Dal primo luglio chi svolge una professione sanitaria che non era rappresentata da un ordine, deve iscriversi all’albo del “super-ordine” che racchiude ben 17 professioni. Si chiama Ordine dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione.

Lo ha stabilito la legge 3 del 2018 (legge Lorenzin), che ha istituito l’Ordine che custodirà tutti gli albi professionali. L’iscrizione si fa online (a questo link)

Antonio Cerchiaro

Tecnici sanitari di radiologia medica e Assistenti sanitari avevano già un Ordine, saranno loro a coordinare questa prima fase (in attesa di nuove elezioni nel 2020), che solo in Liguria coinvolge migliaia di professionisti: «Per quanto riguarda l’Ordine che racchiude le province di Genova, Imperia e Savona – dice l’attuale presidente del consiglio direttivo Antonio Cerchiaro – stimiamo tra 5 e 6 mila persone». La Spezia fa storia a sé. A livello nazionale si pensa che siano coinvolti circa 220 mila professionisti.

«Non esisteva nessun tipo di censimento di coloro che svolgono questa professione – puntualizza Cerchiaro – si tratta di una scommessa e di un’opportunità, perché se riusciremo a collaborare, potremo mettere in campo un’istituzione che può dare una grossa mano agli ospedali, alle aziende, alla politica».

Sono obbligati all’iscrizione all’albo i tecnici sanitari di laboratorio biomedico, i tecnici audiometristi, i tecnici audioprotesisti, i tecnici ortopedici, i dietisti, i tecnici di neurofisiopatologia, i tecnici di fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare, gli igienisti dentali, i fisioterapisti, i logopedisti, i podologi, gli ortottisti e assistenti di oftalmologia, i terapisti della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva, tecnici della riabilitazione psichiatrica, terapisti occupazionali, educatori professionali, tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro.

«Obiettivo della legge – spiega Cerchiaro – è anche far emergere situazioni poco chiare nel settore privato, dove esistono situazioni borderline, da quello che sappiamo: non si sa quale formazione abbiano avuto molti professionisti, ma è anche un modo per combattere il lavoro nero».

Solo per fare qualche esempio gli educatori professionali o i fisioterapisti lavorano veramente a tutto campo in ogni struttura sul territorio, diventa fondamentale poter appurare con una semplice ricerca, che si tratta di persone qualificate.

A giudicare i titoli di accesso per le richieste di iscrizione a ogni albo, in attesa del decreto attuativo che stabilisca le singole commissioni albo), c’è un rappresentante (Ramr, Rappresentanti associazioni maggiormente rappresentative) per ogni professione.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.