«La Regione Liguria deve farsi carico dei danni causati dalla fauna selvatica, essendo questa materia di sua competenza, e affrontare il problema in maniera diversa, dato che le soluzioni messe in atto fin qui sono state tutt’altro che risolutive». Aldo Alberto, presidente di Cia Liguria, interviene così a proposito dei danni alle colture causati dagli ungulati.

«L’assessore Mai – aggiunge Stefano Roggerone, presidente di Cia Imperia – deve prendere atto che le soluzioni introdotte con le recenti modifiche alla legge regionale non sono idonee a ridurre i danni arrecati dai cinghiali, e ha il dovere di ricercare nuove soluzioni. Da anni sosteniamo che il problema della crescita incontrollata degli ungulati è dipeso dalla gestione dell’attività venatoria; tutti sanno che, per anni, gli animali sono stati regolarmente foraggiati e nulla è stato fatto, da parte degli organi preposti, per contrastare quella che è ormai diventata una consuetudine. Addirittura, non sembra nemmeno più essere all’ordine del giorno una discussione sulle battute di caccia selettive: da questo punto di vista è vero che il sistema è stato messo in difficoltà dal pronunciamento della Corte costituzionale, ma è altrettanto vero che l’assessore non può limitarsi a dire che è già stato fatto tutto il possibile. È necessario aprire al più presto un tavolo di crisi al quale ragionare su soluzioni innovative».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.