Welfare aziendale, un mondo potenzialmente quasi infinito di beni e servizi, che riguardano i centri nevralgici della nostra società, salute e istruzione, e anche tantissimi altri, come il rimborso degli interessi passivi del mutuo, facilitazioni, sconti, promozioni e rimborsi su attività legate al tempo libero, bonus per baby sitter e asili nido. Iniziative che, in sostanza, puntano a incrementare il benessere del lavoratore ottimizzando i costi sostenuti dall’azienda, e sono possibili grazie alla normativa introdotta di recente, dalle ultime leggi di stabilità e dal Def 2017 del Governo Gentiloni.

Come utilizzare opportunità e vantaggi offerti ad aziende e dipendenti dalla nuova normativa sul welfare aziendale è il tema del convegno promosso dallo Studio Dapelo di Genova, attivo nella consulenza del lavoro, per il 12 giugno – ore 14.30/17.30 – alla sala Quadrivium di piazza Santa Marta 2 a Genova. Interverranno Claudio Della Monica, consulente del lavoro in Milano e consulente Welfare Generali Italia, Ilaria Bianchi, consulente del lavoro in Milano e consulente Flexible Benefit, e Giulio Dapelo, titolare dell’omonimo studio.

Giulio Dapelo

Per il lavoratore welfare aziendale vuol dire più potere d’acquisto e meno trattenute fiscali, e maggiori risorse per la salute e il benessere suoi e dei familiari: in sostanza, più welfare nel senso letterale della parola. L’azienda spende meno in contributi e oneri sul lavoro, aumenta la produttività e motiva meglio i suoi dipendenti.

Ma in gioco non sono soltanto una migliore retribuzione effettiva per il lavoratore e minori spese per l’azienda. «I beni e i servizi che riceve il lavoratore grazie al welfare aziendale – spiega Giulio Dapelo – alleggeriscono il carico dello Stato. E qui entriamo nel cuore del problema. Perché lo Stato è sempre più in difficoltà a garantire la protezione sociale. Non è che l’Italia spenda poco in questo campo, la protezione sociale assorbe circa il 30% del nostro Pil, siamo un po’ sopra la media europea. Ma la mano pubblica da noi non riesce a ottimizzare l’impiego delle risorse di cui dispone, per un complesso di motivi. D’altra parte i costi sono destinati ad aumentare, anche perché la popolazione invecchia. Come si può fare fronte alla domanda di protezione sociale? Lo Stato non può imporre ulteriori oneri ad aziende e lavoratori. Il welfare aziendale è in grado di fornire strumenti utili ad affrontare con efficacia il problema».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.