Proporre un modello di business che coniughi industria, scienza, tecnologia e attenzione all’ambiente marino, coinvolgendo tutti gli attori della “Blue Economy”: è la missione di Seafuture, in programma dal 19 al 23 giugno alla Base Navale della Spezia. 

Seafuture è organizzata da Ibg (Italian blue growth, società formata da Distretto ligure delle Tecnologie Marine, Consorzio Tecnomar Liguria e Eiead) assieme ad Aiad, Regione Liguria, Blue Hub (Azienda Speciale delle Camera di Commercio delle Riviere di Liguria) e in collaborazione con Marina Militare.

Cristiana Pagni

Giunta alla sesta edizione, Seafuture, ha spiegato oggi in conferenza stampa Cristiana Pagni, presidente di Ibg, «si articola su 9 mila mq, conta 43 espositori da tutto il mondo, 41 delegazioni straniere, e ha programmato 1.500 incontri bilaterali e 28 conferenze e dibattiti. Il trasporto marittimo − ha precisato Pagni − è tra i principali temi di approfondimento: si discuterà di autostrade del mare e dei corridoi intermodali connessi, di ecosistema marino, al quale sarà dedicata un’intera giornata, aperta al pubblico, di strategie ambientali per un turismo sostenibile, della difesa nazionale sul mare e della tutela dei traffici marittimi, in questo caso con la partecipazione della nostra Marina Militare, della Guardia di Finanza, della Guardia Costiera, di Confitarma, del ministero degli Esteri e del Centro studi internazionali».

«Seafuture − ha aggiunto la presidente di Ibg − porta l’Italia al centro del Mediterraneo per dare visibilità alle nostre aziende, grandi e piccole. Verranno analizzate la cantieristica e l’industria della difesa navale nella loro dimensione globale, grazie alla partecipazione dei principali attori nazionali. Si parlerà delle Fremm, “case study” nazionale, dell’impiego duale delle tecnologie per il settore navale, della gestione del ciclo di vita delle unità navali, di refitting e altro ancora».

Alla presentazione di Seafuture questa mattina, al Circolo Ufficiali della Marina Militare della Spezia, sono intervenuti anche l’ammiraglio Giorgio Lazio, comandante marittimo del Nord, l’ammiraglio Gianfranco Annunziata, vicecapo del III Reparto dello Stato Maggiore della Marina Militare e project officer di Seafuture, Lorenzo Forcieri, presidente del Distretto ligure delle tecnologie marine, Paolo Frino, responsabile della divisione Service di Fincantieri, Bernardo Gianfranco Abbrescia, vicepresident Naval Marketing di Leonardo, e altri esponenti di aziende e organizzazioni protagoniste della manifestazione.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.