Chiudono poco mosse e contrastate le Borse europee, l’esito positivo dell’incontro tra il presidente Usa Donald Trump e il leader nordcoreano Kim Jong-un passa in secondo piano rispetto all’attesa per le decisioni che domani prenderà la Federal Reserve in materia di tassi di interesse e della riunione di dopodomani del consiglio direttivo della Bce che potrebbe fornire novità sulla conclusione del Quantitative Easing. Piatto il Dax di Francoforte, il Ftse 100 di Londra segna-0,4%, il Cac 40 di Parigi -0,4%, l’Ibex 35 di Madrid +0,1%.

Milano ha terminato le contrattazioni con Ftse Italia All-Share a 24.352,93 punti (+0,17%) e Ftse Mib a 22.119,76 punti (+0,15%). Lo spread ha terminato a quota 246. Il rendimento del Btp decennale si attesta al 2,96%.

A Piazza Affari in evidenza Fineco (+4,85%), Italgas (+2,9%) in attesa del piano industriale che sarà presentato domani, Poste Italiane (+1,9%), sottotono Saipem (-1,91%), Prysmian (-1,74%), Unipolsai (-1,47%), Buzzi Unicem (-1,45%).

Sul fronte dei cambi, euro sotto la soglia di 1,18 dollari. La moneta europea è scambiata a 129,95 yen (129,8 ieri), mentre il dollaro-yen si attesta a 110,26 (109,9).

Oro in area 1.300 dollari l’oncia, petrolio in rialzo con Wti e Brent rispettivamente a 66,4 e 76,3 dollari al barile.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.