La spesa media sostenuta dalle coppie genovesi per sposarsi nel 2018 è di 12.985 euro (per 100 invitati), un dato inferiore alla media nazionale di 14.880 euro. I dati emergono dal focus di Compass e ProntoPro.

Secondo l’indagine, dopo la crescita delle unioni registrata dall’Istat nel 2016 (+4,6% sul 2015), ben il 3% degli intervistati ha già programmato nel 2018 le proprie nozze.

Tra i singoli costi, quello che incide maggiormente è il catering (6 mila euro), seguito dall’abito da sposa (4 mila euro), dal fotografo (825 euro), dal fioraio (770 euro), dalla band (580 euro) o dj (410 euro) e dalla torta nuziale (400 euro).

In cima alla classifica nazionale, la capitale: a Roma il costo sale a 17.830 euro per queste voci di spesa. Seguono Napoli (17.400 euro) e Palermo (17.150 euro).

A questi bisogna aggiungere ulteriori costi non inclusi nell’analisi, come le fedi, la location, le bomboniere e il viaggio di nozze, che hanno comunque un peso non indifferente sul budget familiare. Una cifra elevata tanto che diventa fondamentale il ruolo del credito al consumo: senza la possibilità di dilazionare i pagamenti molti dovrebbero rimandare o rinunciare al giorno più atteso della propria vita. Al contrario, per chi non bada a spese e può permettersi addirittura un wedding planner, dovrà prevedere ulteriori 1.650 euro.

L’indagine di Compass ha evidenziato anche altri aspetti. Interrogati sulla preferenza tra matrimonio o convivenza, per gli italiani il primo rappresenta ancora un momento importante nella realizzazione della vita di coppia (per il 46%), mentre per il 38% la convivenza è un passaggio fondamentale prima del grande passo, e a pensarlo sono soprattutto i single. Una cosa è certa, che sia convivenza o matrimonio, solo l’8% preferisce la solitudine, un dato che sale al 26% tra i separati e divorziati.

Ma a livello generale, gli italiani come vedono il matrimonio? Senz’altro mai fuori moda (per il 54%), piuttosto stimolante (63%), rassicurante (61%) e non come un legame troppo impegnativo (65%). Ma restano ancora delle zone d’ombra, come i costi per l’organizzazione del “grande giorno”, così come il fatto che solo quattro su dieci vedono questo momento come il coronamento del “sogno di una vita”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.