Il presidente di Cia Liguria Aldo Alberto entra nel coordinamento nazionale della Confederazione, chiamato a collaborare col presidente Dino Scanavino, insieme ai rappresentanti di Veneto, Toscana, Emilia-Romagna, Puglia e Sicilia.

«Si tratta di un riconoscimento importante – dice Aldo Alberto – che testimonia l’importanza dell’agricoltura nella nostra regione e il peso di Cia Liguria all’interno della Confederazione, a dispetto di un territorio le cui dimensioni non sono certo paragonabili a quelle delle altre cinque regioni rappresentate nel coordinamento».

Tra i problemi del settore più urgenti ai quali Cia dovrà lavorare, annuncia Alberto, «ci sono senza dubbio il ritardo, da parte dell’agenzia ministeriale Agea, nei pagamenti dei contributi richiesti dalle aziende nell’ambito dei programmi previsti dalla Politica agricola comune, la cosiddetta Pac, e nel complesso l’inadeguatezza delle strumentazioni per far funzionare correttamente il Psr. Tema sul quale tanto la Cia ligure quanto quella nazionale hanno sempre mantenuto alta l’attenzione, e rispetto al quale garantirò il massimo impegno per ottenere risultati concreti. «Certamente – conclude il presidente di Cia Liguria – il ritardo nella formazione del nuovo governo complica ulteriormente la situazione, perché in assenza di un esecutivo nel pieno dei suoi poteri viene meno un interlocutore indispensabile per dare soluzione a un problema complesso e incancrenito come quello di Agea».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here