Utile netto a quota 65 milioni di euro (-17% rispetto al 2016), ricavi a 1,327 miliardi (+3%). Sono i dati salienti del bilancio 2017 di Ansaldo Sts, illustrati dall’amministratore delegato Andrew Barr all’assemblea degli azionisti in corso questa mattina a Genova. Il cda di Ansaldo Sts propone all’assemblea degli azionisti la distribuzione di un complessivo dividendo di 30 milioni di euro. Il dividendo per azione è pari a 0,15 euro e verrà messo in votazione oggi, insieme al bilancio 2017 e alla relazione finanziaria.

Ansaldo Sts ha chiuso il 2017 con un utile netto in calo del 17%, pari a 65 milioni contro i 78 del 2016. Ricavi in aumento del 3% (da 1.327 a 1.361 milioni di euro), ordini +2% da 1.476 a 1.501 milioni di euro. Redditività operativa in calo da 9,6 a 7,4%.

Come ha spiegato Barr agli azionisti, «negli ultimi mesi Ansaldo Sts ha intrapreso un riesame della propria strategia aziendale. I principali fattori oggetto di esame sono stati il rallentamento della crescita del mercato, l’evoluzione dei competitor e le nuove tendenze future».

Per i prossimi cinque anni, «si prevede un mercato accessibile medio annuo di un valore pari a 15, 4 miliardi di euro, ossia una crescita media di appena lo 0,8 per cento. In tale contesto di mercato piatto Ansaldo Sts è nelle condizioni di ottenere risultati migliori del mercato grazie a un mix favorevole di fattori geografici e di business», spiega Barr.

Per il 2018 i dati principali di guidance sono i seguenti: ordini acquisiti tra 1.500 e 2.000 milioni (2017: 1.500,8), portafoglio ordini tra i 6.450 e i 7.050 milioni (2017: 6.457). Ricavi compresi tra i 1.350 e i 1450 milioni (2017: 1361,0), Ros tra l’8% e l’8,5% (2017: 7,4%).

«Per raggiungere questi obiettivi intendiamo collaborare sui mercati locali per garantire costantemente le esigenze dei clienti – dice Barr – Stiamo pensando di localizzare le nostre competenze con il reperimento in loco delle risorse tecnologiche e sostenere partnership privato-pubblico». Secondo l’ad di Ansaldo Sts è molto probabile l’ingresso, nei prossimi anni, di nuovi progetti in America.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.