Nessun taglio dalla Regione Liguria, ha confermato l’assessore alla Sanità Sonia Viale, ma una richiesta di una razionalizzazione delle spese. È bastato questo per far scattare il taglio del servizio di pulizia dell’ospedale Gaslini.

Ieri Filcams Cgil, Uil Trasporti e Fisascat Cisl sono state audite in consiglio dei capigruppo in Regione. È stata l’occasione di descrivere la vertenza che vede a rischio 35 posti di lavoro dell’appalto delle pulizie del Gaslini da parte della ditta Coopservice.

L’ammontare dei tagli – riferiscono i sindacati – non era ancora chiaro in mattinata perché da settimane le cifre date dalla ditta e dal Gaslini erano discordi e si differenziavano di centinaia di migliaia di euro. Nel pomeriggio si è tenuto un incontro al Gaslini tra le organizzazioni sindacali, l’Ente e la ditta Coopservice, in cui finalmente è stata fornita la cifra definitiva dell’ammontare del taglio: 470 mila euro, cifra considerevole ma inferiore a quella su cui è stata costruita la procedura di licenziamento collettiva.

Per questo motivo i sindacati hanno chiesto l’immediato ritiro della procedura stessa a Coopservice e successivamente l’immediata apertura di un tavolo per trovare soluzioni condivise. La Ditta ha rimandato ogni decisione al prossimo incontro, che è previsto lunedì prossimo.
In attesa degli sviluppi e in mancanza del ritiro dei licenziamenti, le lavoratrici e i lavoratori dell’appalto resteranno in presidio davanti al Gaslini, come quotidianamente avviene dal 20 marzo, fino allo sciopero se si renderà necessario.

 

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.