Ventisei tra dirigenti ed ex dirigenti di Tirreno Power sono stati rinviati a giudizio per l’inchiesta sulla centrale di Vado Ligure. Il gup del Tribunale di Savona ha accolto le 26 richieste di rinvio a giudizio formalizzate dai pm. Tra i rinviati a giudizio, che dovranno rispondere di disastro ambientale sanitario colposo,  Giovanni Gosio, direttore generale di Tirreno Power dal 2003 al 2014 e Massimo Orlandi presidente del cda in diversi periodi e membro del comitato di gestione.

Secondo l’allora procuratore Francantonio Granero i fumi emessi dai gruppi a carbone della centrale di Vado avrebbero causato un aumento dell’inquinamento e della mortalità dei residenti nella zona. L’inchiesta, che aveva portato al sequestro della centrale di Vado Ligure l’11 marzo del 2014 per presunte violazione all’ Aia – si era chiusa il 17 giugno 2015 con 86 indagati, tra i quali figuravano anche politici e amministratori locali, compresi l’allora presidente della Regione Liguria Claudio Burlando e tutta la sua giunta. La posizione di tutti i politici e degli amministratori locali era stata archiviata, così come quella di altri indagati.

Il processo, in cui compariranno come parti civili sei associazioni ambientaliste – Greenpeace, Medicina Democratica, Legambiente, Uniti per la salute, Wwf e Anpana – e il Ministero dell’Ambiente, inizierà il prossimo 11 dicembre.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.