Riunione tecnica questa mattina a Palazzo Bianco tra l’amministrazione comunale di Chiavari e gli ingegneri della Patscheider & Partner per fare il punto della situazione sui lavori di messa in sicurezza del torrente Rupinaro dopo le prove statiche del 9 aprile sui ponti di corso Valparaiso, viale Tappani e corso Italia.

Presentati i risultati delle prove di carico dei tre ponti, il cui collaudo ha una valenza certificata di cinque anni ma con alcune prescrizioni e indicazioni: gli automezzi di passaggio sui ponti non potranno superare le 44 tonnellate di peso e i 30 km/h, mentre solo per i ponti di viale Tappani e corso Valparaiso, sarà necessario intervenire con operazioni di manutenzione prima dell’inizio dei lavori definitivi.

È entrato in vigore il 17 gennaio 2018 il decreto del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti relativo “all’aggiornamento delle Norme Tecniche per le costruzioni” che stabilisce, per ciò che concerne i lavori di messa in sicurezza del Rupinaro, la necessità di contemplare un franco idraulico di un metro e mezzo di altezza per tutti i progetti dei ponti sul torrente (franco idraulico è definito come la distanza tra la quota liquida di progetto a monte del ponte e l’intradosso delle strutture).

Si pone, quindi, il problema di realizzare strutture enormi, di altezza decisamente superiore a quelle attuali e superiori anche a quelle ipotizzate nei progetti preliminari.
L’amministrazione Di Capua, congiuntamente con gli uffici tecnici, dovrà quindi confrontarsi con Regione Liguria per capire in quale modo procedere data l’impossibilità di deroga del decreto in oggetto e l’inattuabilità di realizzazione del progetto stesso, in quanto si andrebbe ad aumentare notevolmente l’altezza dei ponti compromettendo l’accesso alle abitazioni limitrofe.

Infine, Regione Liguria ha accettato la proposta d’inversione del cronoprogramma per il rifacimento dei ponti: si partirà, quindi, da viale Tappani e una volta individuati i progettisti si potrà definire quale sarà il secondo e terzo ponte a essere rifatto, tra corso Valparaiso e corso Italia.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here