Le Borse europee chiudono poco sopra la parità, frenate dall’incertezza circa gli sviluppi in Siria e i rapporti tra Usa e Cina e da Wall Street, che ha virato in negativo dopo una partenza in rialzo frazionale. L’indice d’area Stoxx 600 è in rialzo dello 0,1%. Francoforte segna + 0,22% con il Dax a 12.442 punti, Parigi+ 0,11con il Cac-40 a 5.315 punti, Londra +0,09% con il Ftse 100 a 7.264 punti. Positiva anche Milano, con Ftse Italia All-Share a 25.566,29 punti (+0,11%) e Ftse Mib a 3.330,32 punti (+0,11%).

A Piazza Affari in rialzo Pirelli (+1,5%), Ferragamo (+1,1%), Prysmian (+1%) e Cnh (+0,9%).In calo Azimut (-3,3%)

Sul Forex il cambio euro/dollaro è in area 1,232, il dollaro/yen risale a 107,5. In ascesa la sterlina, a quota 1,425 dollari e a 0,864 nei confronti dell’euro, sostenuta anche dalle aspettative di rialzi dei tassi da parte della Bank of England.

Tra le materie prime, l’oro si apprezza a 1.343 dollari l’oncia e il petrolio si mantiene in prossimità dei massimi di tre anni, con Wti e Brent che avanzano rispettivamente a 67,6 e 72,8 dollari al barile.

Sull’obbligazionario il rendimento del decennale italiano arretra poco sotto l’1,8%, poco mosso lo spread con il Bund tedesco a 127 punti base.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here