La Cremeria Buonafede riapre con un nuovo gusto: il “semifreddo dei Rolli”

Sei mesi di ristrutturazione e una novità che verrà offerta sabato 10 marzo al pomeriggio a chi passerà da via Luccoli, 12 rosso

Rum, zabaione e pan di spagna aromatizzato alla mandorla. Sono questi gli ingredienti principali del nuovo gusto “Semifreddo dei rolli“, che l’antica Cremeria Buonafede offre da domani, sabato 10 marzo, al pubblico. Il nome è un omaggio ai palazzi dei rolli, uno di essi, tra l’altro, ospita il laboratorio della Cremeria (Palazzo Grillo)

L’inaugurazione ufficiale, anche se il locale ha riaperto da due settimane dopo un restyling durato circa sei mesi, è in programma nel pomeriggio dalle 16.30 alle 19.30 al numero 12 rosso di via Luccoli.

La Cremeria fu aperta in via Luccoli nel 1913 e dal 2014 è “locale storico di tradizione” dalla Direzione per i beni culturali e paesaggistici della Liguria. Per questo, nella ristrutturazone, sono stati rispettati i vincoli del marmo sul pavimento e delle piastrelle alle pareti.

Il nuovo gusto è stato ideato e realizzato da Romeo Ghiotto (un cognome una garanzia) e dai figli Simone e Andrea, che rappresentano la terza e la quarta generazione della famiglia. Non sempre un’attività storica è così fortunata nell’avere una discendenza che tramandi la qualità di un prodotto, in questo caso i Ghiotto sono stati molto fortunati.

Gli altri prodotti di punta sono la panera, realizzata come un semifreddo seguendo la ricetta degli anni Settanta di uno zio dei Ghiotto e la panna, montata con la planetaria e fatta con gli ingredienti di maggiore qualità sul mercato.

La dinastia lattaia fu fondata sul finire dell’ottocento da Giacomo Parodi. Dal matrimonio con Teresa Baghino, Parodi ebbe un figlio maschio e la bellezza di nove figlie femmine, alle quali venne affidata la gestione dei vari punti vendita che via via venivano aperti in città per commercializzare il latte raccolto dal capofamiglia nelle valli dell’entroterra e che, in breve tempo, era diventato gettonatissimo tra i genovesi. La Cremeria di via Luccoli è oggi l’unica superstite originale di questa storia (la famiglia ha anche un altro punto vendita in via degli Orefici, Box Cream).

«Questi sono piccoli miracoli che a Genova resistono, e che bene rendono l’idea del fermento che ancora oggi, a dispetto di tutte le difficoltà, caratterizza il tessuto commerciale del nostro centro storico – sottolinea Francesca Recine, presidente dell’Unione degli operatori economici di via Luccoli – la stessa scelta fatta da Romeo e Simone di intitolare ai Rolli la loro ultima creazione, evidenzia ulteriormente il legame storico e indissolubile tra la Cremeria Buonafede e la città vecchia. Da presidente di Civ, non posso che essere orgogliosa di questa storica attività e delle tante altre che animano le nostre strade. E a questo proposito, mi fa piacere dare il bentornato anche ad un’altra istituzione di via Luccoli, il negozio di abbigliamento artigianale “Lo Spaventapasseri”, che in questa stessa settimana ha riaperto i battenti al 30 rosso, in un locale ancora più ampio e bello del precedente. Due belle notizie in pochi giorni, che ci raccontano di una realtà sempre più viva ed accogliente».

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here