È dedicato alla nomina di Sanremo a “Città europea dello Sport 2018” il Corso Fiorito di domenica 11 marzo, la celebre sfilata dei Carri Fioriti che rinnova la tradizione del Carnevale dei Fiori di Sanremo nato nella Belle Époque. Il Corso Fiorito è riconosciuto con decreto ministeriale del Mibact, che ha finanziato la manifestazione, tra le più importanti Manifestazioni Carnevalesche Storiche.

Organizzato dal Servizio Turismo, è un appuntamento di grande richiamo: tredici i comuni in gara (Sanremo, come sempre, è fuori concorso e apre la sfilata): Ventimiglia, Santo Stefano al Mare, Golfo Dianese, Isolabona, Riva Ligure, Cipressa, Dolceacqua, Ospedaletti, Vallecrosia-Camporosso, Seborga, Bordighera, Taggia (in ordine di uscita). Migliaia le persone che ogni anno si recano a Sanremo proprio per assistere all’evento.

Un po’ di storia

Il Corso Fiorito nasce nel 1904 con il nome Festa della Dea Flora. In quell’occasione sfilavano lungo le vie di Sanremo carrozze ornate e decorate da composizioni floreali con prodotti provenienti dal territorio. Il successo fu tale da divenire un appuntamento annuale che, nel Dopoguerra, prese il nome di Italia in Fiore e ai carri fioriti si affiancarono bande musicali e gruppi folkloristici. Seguì un periodo di interruzione dal 1966 al 1980, quando la manifestazione riprese con nuovo slancio trasformandosi in uno degli eventi di punta del calendario manifestazioni del Comune di Sanremo con la denominazione di Corso Fiorito.

Nella seconda metà degli anni Novanta ha attraversato una nuova fase di successo e notorietà anche fuori dai confini della città grazie all’inserimento della sfilata e della premiazione nella trasmissione Linea Verde con il nome di Sanremoinfiore, a un nuovo e più regolare assetto come l’assegnazione, a ogni edizione, di un tema su cui i maestri di composizione floreale sono chiamati a cimentarsi, e al voto di una giuria, composta anche da personaggi di ampia notorietà legati, in qualche modo, al tema stesso.

La sfilata di domenica 11 marzo

Prende il via alle 10,30, sono previsti tre giri. Il percorso ad anello si snoda lungo le seguenti vie e piazze cittadine: lungomare Italo Calvino – piazzale Carlo Dapporto – ex Stazione Ferroviaria – tratto pista ciclabile parallelo a via Nino Bixio sino a Giardini Vittorio Veneto. L’accesso al percorso è libero e gratuito. I posti a sedere (tribune) sono a pagamento, numerati e sono posizionati sul piazzale Carlo Dapporto: il costo è di 20 euro.

La vendita dei biglietti

I biglietti si possono acquistare al costo di 20 euro con le seguenti modalità: versamento sul conto della tesoreria del Comune (Iban: IT 58 E 06175 22700 000001935490 con la causale “biglietti corso fiorito”). In alternativa, direttamente al Palafiori di corso Garibaldi, Ufficio di Informazioni di accoglienza turistica. Per info: tel. 0184/580500; infopoint@comunedisanremo.it.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.