Le scelte strategiche sulla Cesare Ponti, la banca “private” del gruppo potrebbero essere al centro del dibattito nel board di Carige che si riunirà questo pomeriggio. In realtà la Ponti è da mesi uno degli oggetti di discussione ai vertici del bruppo bancario ligure. All’inizio l’orientamento era di venderla, poi si è deciso di tenerla  e valorizzarla. Ma diverse sono le ipotesi sul futuro del private banking di Banca Carige, e di conseguenza sui rapporti tra la Cesare Ponti e il gruppo.

Un altro argomento di discussione questo pomeriggio potrebbe essere la richiesta del finanziere italo-inglese Raffaele Mincione, che di recente ha annunciato di avere acquisito il 5,4% del capitale di Carige, diventando il terzo azionista della banca, di essere adeguatamente rappresentato nel cda. La richiesta è stata respinta nella seduta scorsa, ma Mincione potrebbe tentare di aggregare altri fondi e investitori presenti nel capitale ma non nel board, come Chenavari, Sga e Credito Fondiario, mettendo insieme nel complesso circa il 20%, una quota simile a quella della Malacalza Investimenti (20,6%). E intanto potrebbe continuare ad acquisire azioni Carige, tentare un’alleanza con la Lonestar di Gabriele Volpi, secondo azionista con una quota del 9%, e chiedere una decisione dall’all’assemblea degli azionisti.

Ma Malacalza Investimenti ha ottenuto dalla Bce il via libera per arrivare fino al 28% e potrebbe avvalersi di questa opzione, e anche stringere alleanze con altri azionisti.

Insomma il cda di oggi potrebbe essere caldo.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.