Chiudono in ribasso le Borse europee penalizzate dal rallentamento di Wall Street e dal rafforzamento dell’euro. Il Dax di Francoforte segna -1,6%, il Ftse 100 di Londra -1,1%, il Cac 40 di Parigi -0,6%. Milano termina con Ftse Italia All-Share a 24.991,27 punti (-0,31%) e Ftse Mib a 22.690,98 punti (-0,32%). L’Ocse ha alzato le stime sul pil mondiale e dell’Eurozona, ma ha lasciato invariate quelle relative all’Italia, per la quale prevede una crescita dell’1,5% nel 2018 e dell’1,3% per l’anno successivo. La disoccupazione a livello nazionale, invece, è scesa all’11% nel quarto trimestre 2017 dall’11,2% del trimestre precedente. A Wall Street gli operatori cercano di valutare le conseguenze della sostituzione del segretario di Stato americano, Rex Tillerson con il capo della Cia, Mike Pompeo e i numeri di febbraio sull’inflazione Usa.

A Piazza Affari tonfo di Mediaset (-4,15%), penalizzata dal downgrade di JP Morgan da ‘neutral’ a ‘underweight’ con prezzo obiettivo passato da 3,20 a 3,10 euro. Prosegue il trend positivo delle utilities, Italgas (+2,3%) dopo i risultati, A2A (+1,4%), Enel (+0,8%) e Snam (+0,9%) in attesa dei conti. Tra le banche chiudono in rialzo Banco Bpm (+2,3%), Bper (+1,9%) e Ubi (+1,1%). Exploit di Carige (+4,44%).

Sul Forex il cambio euro/dollaro si riporta in area 1,24, mentre il dollaro/yen torna a 106,6.

Il deprezzamento del dollaro agevola l’oro che risale a 1.326 dollari l’oncia. Per quanto riguarda il petrolio, Wti e Brent calano rispettivamente a 60,6 e 64,6 dollari al barile, frenati dai timori che la pur solida domanda globale non basti ad assorbire la crescente offerta statunitense.

Sull’obbligazionario il rendimento del decennale italiano cala leggermente, all’1,98%, separato da uno spread con il Bund tedesco di 136 punti base.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.