Una sperimentazione lunga un anno, i cui aspetti economici sono stati affidati all’Università di Genova. Prende il via il primo marzo la distribuzione gratuita dei medicinali dopo il ricovero ospedaliero in 584 farmacie convenzionate in Liguria.

La cosiddetta distribuzione “per conto” agevola il paziente e, secondo la Regione Liguria, consente di ridurre gli sprechi, grazie a procedure che diventano uniformi su tutto il territorio regionale: «Finalmente avremo l’equità di accesso da Ventimiglia a Sarzana, entroterra compreso, ma anche un’omogeneità nei sistemi», dice l’assessore regionale alla Sanità Sonia Viale.

Viene garantito in tutta la Liguria il servizio di consegna a domicilio dei farmaci salvavita per le persone disabili o allettate.

I numeri

584 farmacie convenzionate, 7 magazzini, 1,4 milioni (circa il 10%) pezzi di specialità erogate all’anno, oltre 450 specialità medicinali distribuite gratuitamente, 115 principi attivi, circa 60 aziende farmaceutiche fornitrici individuate dopo la gara centralizzata.

La distribuzione per conto è gratuita per l’assistito, basta presentare la ricetta rossa (stessa cosa quando li riceve nella Asl o nell’ospedale). Il paziente può scegliere anche di prenderli nella struttura pubblica della propria Asl o dell’ospedale.

Grazie all’individuazione precisa della quantità di farmaci distribuiti per il “primo ciclo” dopo il ricovero o una visita ambulatoriale, è possibile verificare l’efficacia della terapia. Inoltre il monitoraggio informatizzato in tempo reale delle giacenze consentirà di ridurre i farmaci mancanti e scaduti.

I farmaci classificati A-Pht (distribuzione diretta per la continuità ospedale-territorio), possono essere erogati tramite i tre canali complementari previsti per legge (distribuzione diretta, per conto e convenzionata) e sono prescritti per trattare specifiche terapie.

I farmaci vengono acquistati solo tramite gare centralizzate, eliminando duplicati e ottenendo maggiore scontistica.

Principali terapie che utilizzano questo tipo di distribuzione

Acromegalia, anemia mediterranea, artrite reumatoide (farmaci immunosoppressori); insuline, farmaci ipoglicemizzanti); disturbo del deficit dell’attenzione, iperattività (farmaci psicostimolanti); epatite cronica C (interferoni, farmaci immunostimolanti…); infertilità maschile e femminile (farmaci stimolanti dell’ovulazione eccetera); infezioni virali per la terapia Herpes Zoster, Citamegalovirus, Hiv (farmaci antivirali), malattie neoplastiche e terapia di supporto anemie gravi (farmaci antineoplastici, farmaci antianemici); morbo di Alzheimer (farmaci anti-demenza); morbo di Parkinson (farmaci antiparkinsoniani); nanismo ipofisario, patologie endometriali (pubertà precoce); psicosi grave (farmaci antipsicotici); sclerosi multipla, sindromi coronariche, trombosi, prevenzione ictus (eparine, nao, clopidogrel); trapianto d’organo, trattamento osteoporosi (farmaci mineralizzanti).

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.