Sono in ascesa i contratti di rete in Liguria, come del resto in tutta Italia, a giudicare dai dati degli ultimi mesi. Aster, società della Regione Emilia-Romagna per l’innovazione e la ricerca industriale, ha rilevato, sulla base dei dati Infocamere, che in Liguria sono 637 le imprese in rete, 175 i contratti. Una cifra che vale il tredicesimo posto in Italia per valore assoluto, ma che raggiunge l’ottavo andando a vedere il numero di imprese in rete ogni 10 mila. In Liguria sono 39, al pari dell’Emilia-Romagna. A giugno 2017 erano solo 326 le imprese in rete, secondo quanto afferma il rapporto Istat-Confindustria (scaricabile in fondo all’articolo).

Una grande spinta l’hanno data le autocarrozzerie liguri, che si sono unite (sono una trentina), ma anche la rete immobiliare italiana o le aziende entrate nella rete d’imprese turistiche dell’alto Tirreno.

Non mancano le reti che coinvolgono uno più settori anche in chiave di promozione territoriale, come Sanremo on, o Vite in Riviera (25 aziende vitivinicole del Ponente ligure).

Andando a vedere i dati provinciali, il valore assoluto vede Genova al primo posto in Liguria con 264 imprese in rete (25esimo posto nazionale), segue Savona con 144, La Spezia con 117 e Imperia con 112. Il parametro delle imprese in rete ogni 10 mila aziende invece vede prevalere La Spezia con 56 (18esimo posto nazionale), seguita da Savona (47), Imperia (43) e Genova (31).

Dei 175 contratti di rete 116 sono rete contratto, mentre 59 rete soggetto (vedi box per differenza). Dal punto di vista della concentrazione, 111 sono pluriregionali e 64 uniregionali.

Rete contratto e soggetto

Le reti di impresa possono non avere personalità giuridica (reti contratto), quelle dotate di un fondo patrimoniale comune possono acquisire un’autonoma soggettività giuridica, distinta rispetto a quella delle singole imprese partecipanti, iscrivendosi nel Registro delle imprese nella cui circoscrizione è stabilita la sede della “rete”. La rete diventa così un autonomo soggetto passivo di imposta anche ai fini degli adempimenti fiscali in materia di imposte dirette e indirette.

Nel caso, invece, non abbiano richiesto la personalità giuridica (rete contratto), la titolarità di beni, diritti, obblighi ed atti è riferibile, quota parte, alle singole imprese partecipanti.

Delle 637 imprese che hanno fatto questa scelta, il 39% appartiene al settore dei servizi, il 22% all’industria/artigianato, il 19% al commercio, l’11% all’agricoltura/pesca, il 9% al turismo.

Per chi volesse approfondire è a disposizione il link che consente di vedere tutte le imprese (anche a livello comunale) e le statistiche nazionali, regionali e provinciali.

«Il valore aggiunto di questa forma di collaborazione è noto – commenta Paolo Bonaretti, direttore generale di Aster – ed è confermato dal recente rapporto Istat-Confindustria “Gli effetti del contratto di Rete sulla performance delle imprese” secondo cui le imprese che vi hanno aderito registrano una maggiore crescita dell’occupazione e del fatturato rispetto ad aziende similari non in rete, rispettivamente +11,2% e +14,4% dopo tre anni. La diffusione di questa forma di aggregazione è ovviamente maggiore in quelle regioni che adottano politiche di incentivo all’utilizzo e che possono contare anche sulla spinta propulsiva delle organizzazioni di categoria».

Le imprese devono predisporre un piano generale d’azione (programma di rete), in cui sono definiti gli obiettivi da raggiungere e i rapporti di collaborazione e condivisione, l’investimento e il tipo di legame da adottare.

Qui tutte le informazioni sul contratto di rete.

Reti d’Impresa: rapporto Istat-Confindustria

La mappa delle imprese in rete in Liguria divisa per Comuni

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.