Riportare al voto chi si è disaffezionato alla politica per mancanza di una rappresentanza di sinistra, un progetto che riscostruisca la sinistra attraverso i valori che l’hanno contraddistinta da sempre. Claudio Montaldo, che ha già da qualche tempo lasciato il Pd, introduce i candidati a Camera e Senato di Liberi e Uguali, la lista che è nata dall’incontro tra Articolo 1 – Mdp, Possibile e Sinistra Italiana, nella presentazione ufficiale a Genova, nella sede di via dei Giustiniani.

«Vogliamo dare voce ai giovani che non hanno lavoro – dice Montaldo – che nelle statistiche risultano occupati, ma che in realtà lo sono talmente per poco tempo da non aver nessuna prospettiva di futuro. Riuscire a rendere più accessibile l’Università, con l’abolizione delle tasse, provocherebbe un aumento dei laureati, che diventerebbero il motore per l’economia, la società e la cultura del Paese. Per noi la scuola è al primo posto, a cui va dedicata tutta l’attenzione. Ci rivolgiamo a quanti hanno smesso di curarsi perché i ticket sono troppo alti, ci rivolgiamo a chi il 4 dicembre ha votato no ed è scontento di questa legge elettorale, ci rivolgiamo a chi vuole il ritorno di una politica partecipata».

Stefano Quaranta, deputato uscente, è stato inserito nel proporzionale al Senato: «Non è facile – dice – ma ho la presunzione di pensare che essere stato il parlamentare più produttivo della Liguria mi abbia portato proprio a questa sfida difficile ma fattibile, i sondaggi liguri sono positivi, ce la possiamo giocare. Abbiamo una lista competititva al di là dei capilista, che rispecchia le nostre priorità programmatiche: scuola lavoro e fisco». Per Quaranta il Pd si sottrae voti già da solo, «Liberi e Uguali si propone a chi non ha votato perché le ricette proposte erano troppo simili, siamo una voce fuori dal coro, diremo cose diverse su scuola e università, sul lavoro, sugli investimenti pubblici e sulla lotta all’evasione fiscale, visto che nessuno l’ha più presa in considerazione».

Tra i candidati alla Camera, nell’uninominale, c’è anche Sergio Cofferati: «Il Pd ha virato al centro, oggi occorre una forza politica che voglia applicare i valori in cui tante persone hanno sempre creduto. Noi partiamo dal lavoro, c’è bisogno di una crescita economica che consenta di mantenere il lavoro di chi ce l’ha e darne uno a chi lo cerca, serve innovazione, ricerca, conoscenza, oggi nel mondo si compete con prodotti di qualità, non con salari a basso costo e scarsa professionalità. Genova ha conosciuto momenti alti perché aveva la qualità. Dobbiamo dare una certezza e una prospettiva alle tante persone che si sono indebolite, attraverso politiche completamente diverse da quelle degli ultimi anni».

Camera proporzionale 1

Carla Nattero (Imperia): 65 anni, insegnante, per 27 anni consigliere comunale per 27 anni nel Comune di Imperia, è coordinatrice regionale di Sinistra Italiana.

Felice Besostri (Savona): 74 anni, avvocato amministrativista, già senatore nella XIII legislatura.

Silvia Tonola (Savona): 70 anni, presidente dell’Anpi Sandro Pertini di Borghetto Santo Spirito, pedagogista.

Piero Borello (Genova): 60 anni, delegato sindacale Fiom, impegnato in partiti di sinistra nella zona della val Polcevera.

Camera proporzionale 2

Luca Pastorino: 46 anni, già sindaco di Bogliasco, è deputato uscente.

Valentina Bosello (La Spezia): 40 anni, insegnante di scuola dell’infanzia, iscritta all’Anpi.

Vincenzo Muratore (La Spezia): 48 anni, operatore socio sanitario della Spezia.

Silvia Gobbetti (La Spezia): 39 anni, lavora nella scuola primaria, si sta specializzando all’Università di Pisa come docente per il sostegno.

Uninominali Camera

Mario Giribaldi (Imperia): 60 anni, vicepresidente della Camera Penale di Imperia e Sanremo, presidente del comitato locale per il No al referendum costituzionale

Daniela Tedeschi: 61 anni, presidente della Comunità del Parco del Beigua, capogruppo di minoranza in consiglio comunale ad Arenzano, consigliere di minoranza in Città Metropolitana.

Sergio Cofferati: 70 anni, già segretario generale della Cgil, è stato anche sindaco di Bologna e parlamentare europeo nel 2009 e nel 2014.

Erminia Federico (Genova): 61 anni, ex insegnante, già consigliere comunale nel Comune di Genova.

Luca Pastorino (vedi sopra)

Luigi Liguori (La Spezia): 63 anni, consigliere comunale nel Comune della Spezia, laureato in Medicina, si è dedicato alla cura dei rifugiati nei centri Caritas.

Senato proporzionale

Stefano Quaranta: 46 anni, laureato in legge, è deputato uscente. Openpolis lo mette tra i parlamentari più attivi. Tra i liguri è stato il più produttivo. Membro della commissione di inchiesta sulle periferie e il degrado nelle città.

Cristina Maria Barzacchi (Tigullio): 56 anni, medico oncologo, consigliere comunale a Casarza Ligure.

Roberto Amen: 63 anni, giornalista Rai, ha contribuito alla fondazione di Rainews 24. Dal 2002 giornalista parlamentare.

Natasha Vallerino (Savona): 50 anni, infermiera.

Uninominali Senato

Sergio Acquilino (Savona): 61 anni, già assessore e sindaco di Celle Ligure.

Roberto Amen (Genova) (vedi sopra)

Laura Canale (La Spezia): responsabile di programmi e progetti europei in Regione Liguria per 30 anni. Ha fondato la cooperativa di comunità “Officine del Levante”

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.