Si è svolta in una affollata Sala del Cap la prima assemblea regionale di Liberi e Uguali con il compito di delineare le priorità programmatiche (lavoro, scuola, fisco, ambiente, sanità) e raccogliere le disponibilità a candidarsi nelle liste per Camera e Senato. 42 nominativi da cui verranno scelti i 21 candidati liguri che correranno per Liberi e Uguali.

Non possiamo raccontare bugie o fare proposte fantascientifiche per raccogliere voti − spiega il senatore Federico Fornaro − per questo pensiamo sia necessario puntare sulla scuola e rilanciare la ricerca; e poi un grande piano verde per dare lavoro, senza dimenticare la lotta alla precarietà quindi l’abolizione del jobs-act che si è rivelato favorire le imprese togliendo invece diritti ai lavoratori».

Il senatore piemontese, nel suo ruolo di garante, ha poi sottolineato come la legge elettorale con cui si andrà a votare sia «pessima, una truffa agli italiani a cui si fa credere che si è tornati a un sistema maggioritario e invece è un proporzionale che leva di fatto agli elettori la possibilità di una vera scelta degli eletti».

Fornaro ha poi concluso elencando le caratteristiche delle candidature: «parità di genere, pluralismo politico all’interno delle formazioni rappresentate, le pluri-candidature saranno limitate e non potrà essere candidato chi ha già svolto due mandati parlamentari. Fuori dalle liste le persone arrestate, rinviate a giudizio o condannate per reati di mafia, terrorismo, criminalità organizzata, reati contro la libertà personale e individuale e sessuale».

Gianpaolo Malatesta ha poi elencato i candidati che hanno manifestato l’interesse a essere inseriti in lista che comunque rimangono aperte. «A breve saranno mandati a Roma i nominativi e il 22 gennaio da Roma verranno comunicati i canditati liguri che correranno per Liberi e Uguali». Ecco i nomi:

Imperia: Mauro Giribaldi, avvocato; Mauro Gradi, avvocato.

Savona: Sergio Aquilino, avvocato; Dario Bacino, operatore ecologico; Nello Balzano, impiegato; Felice Besostri, avvocato costituzionalista; Federico La Rosa, consigliere comunale; Natascia Vallerino, infermiera; Marco Pozzo, radiologo; Enrica Tonola, pedagogista.

Genova: Roberto Amen, giornalista; Maria Cristina Barzacchi, oncologa; Piero Borello, tecnico Ansaldo; Fabio Cancelliere, operaio cantieristica; Mario Caraffini, insegnante (Cgil scuola); Sergio Cofferati, deputato europeo; Silvio Del Buono, dir. sanitario Gaslini; Erminia Federico insegnante in congedo; Giuliano Graziani vicesindaco Mignanego; Evelina Isola, progettista ambientale; Laura Lupinacci, insegnante; Lamberto Ferrara, avvocato; Paolo Mura, delegato Ericsson; Luca Pastorino deputato; Bruno Pastorino, coord. prov S.I; Stefano Quaranta, deputato; Daniela Tedeschi cons. metropolitano; Silvia Pedemonte, funz. bandi Reg.start up.

La Spezia: Luca Basile, assistente universitario; Mara Biso, funz. Agenzia Fiscale; Laura Canale, ex dirigente Reg. in pensione; Nicola De Benedetto, insegnante; Michele Fiore, avvocato; Silvia Gobbetti, insegnante; Andrea Licari, consigliere comunale Borghetto Vara; Andrea Ornati, consigliere comunale Lerici; Luigi Liguori, medico; Paolo Putrino, manager Centri Commerciali; Carlotta Salvatori, studentessa; Giulia Tomarchi, dir. Spi Cgil.

Deve ancora sciogliere la riserva Alessandra Ballerini, avvocato.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here