Chiudono positive le Borse europee una giornata povera di spunti operativi nonostante l’avvio in rialzo di Wall Street,dopo i massimi storici toccati ieri da Nasdaq e S&P 500. Francoforte segna +0,83%, Parigi +0,81%), Londra +0,3%. Milano termina con Ftse Italia All-Share a 24.267,16 punti (+0,34%) e Ftse Mib a 21.904,56 punti +0,27%)

A Piazza Affari bene Stm (+3,15%), che segue la buona intonazione del comparto tecnologico e beneficia dei dati positivi sulle vendite di microchip.

Sul Forex l’euro/dollaro si allontana da quota 1,21 riportandosi a 1,203. Euro in discesa anche rispetto allo yen (EUR/JPY in area 135) mentre il cambio tra dollaro e divisa nipponica è stabile a 112,3.

Tra le commodities l’oro risale verso 1.317 dollari l’oncia mentre il petrolio tocca i massimi di oltre due anni in vista dei dati Api di stasera che dovrebbero mostrare un ulteriore calo delle scorte di greggio statunitensi, il settimo consecutivo. Wti e Brent quotano rispettivamente 61,4 e 67,5 dollari al barile, sostenuti in parte anche dai disordini in Iran, terzo maggior produttore tra i Paesi Opec.

Sull’obbligazionario il rendimento del Btp torna al 2,05%, con uno spread dal Bund di circa 161 punti base, pressoché in linea con la chiusura di ieri.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.