Sotto il gelo nell’entroterra genovese di Ponente e le violentissime raffiche di vento a Levante continuano senza soste gli interventi della Città metropolitana di Genova. Chiuso un tratto della Sp 456, in tre punti la Sp 586 e chiuse anche Sp 7, 53, 73 e 84

Il freddo gelido con temperature bassissime stringe l’entroterra genovese nella morsa della galaverna che continua a spezzare alberi e rami abbattendoli sulle carreggiate nelle Valli Sturla, Scrivia e Polcevera.

La Città Metropolitana di Genova fa il quadro della situazione: a Levante, soprattutto in Val d’Aveto e in Valle Sturla, sono le violentissime raffiche di vento a sradicare tronchi e piante. In questa situazione molto complessa il centro operativo viabilità, coordinato con i tecnici dal consigliere delegato Franco Senarega, continua a far intervenire senza soste squadre e mezzi per liberare le carreggiate.

La Sp 456 del Turchino rimane finora chiusa fra la galleria di valico e la località Fado nel Comune di Mele perché mentre le squadre impegnate da molte ore non smettono di tagliare e sgomberare tronchi, la galaverna continua ad abbattere altri alberi sulla strada.

Per lo stesso motivo nelle valli Scrivia e Polcevera sono al momento chiuse anche la Sp 7 della Castagnola (a metà tracciato nel Comune di Ronco Scrivia sempre per cadute di alberi spezzati dal ghiaccio), la Sp 53 della Bastia (fra i km. 2 e 4 nel Comune di Busalla), la Sp 84 nel Comune di Mignanego fra l’innesto con la Sp 35 dei Giovi e la località Montanesi e per formazione di ghiaccio e galaverna è chiusa anche la Sp 73 del Faiallo che sale a più di mille metri di quota.

Nel Levante la furia del vento ha abbattuto molti alberi sulla Sp 586 della Val d’Aveto, chiusa nelle località Squazza, Temossi e Campori mentre squadre e mezzi della Città metropolitana lavorano agli sgomberi sotto la pioggia battente e le bufere di vento che stanno creando disagi in molte zone, con numerose cadute di tronchi e rami segnalati anche in Valle Sturla, sulle Sp 49 e 37, dove sono in corso altri interventi, come in Fontanabuona, sempre per piante abbattute sulle carreggiate e smottamenti.

Sui tratti attualmente chiusi delle strade provinciali non ci sono località isolate.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here