Approvato da Camera e Senato il nuovo codice della nautica: Ucina Confindustria Nautica, Assilea, Assomarinas, Assonat-Confcommercio e Confarca esprimono grande soddisfazione per il voto finale del parlamento. Il decreto legislativo va ora definitivamente adottato dal consiglio dei ministri entro il 5 novembre, data di scadenza della legge delega.

Sono state accolte dal governo le principali integrazione al testo richieste da Ucina e dalle altre associazioni di categoria. A conclusione del lavoro di collaborazione messo in campo dai propri rappresentanti in occasione dei tavoli tecnici istituiti presso la Direzione del Trasporto marittimo, Assilea, Assomarinas, Assonat-Confcommercio, Confarca e Ucina Confindustria Nautica hanno deciso di istituire un coordinamento permanente.

In un comunicato Ucina definisce il ddl «uno strumento moderno e competitivo, che sostiene lo sviluppo della cantieristica e del refitting, riconosce pari dignità e amplia le attività commerciali, si applica alle unità iscritte al Registro internazionale, prevede le motorizzazioni GPL, introduce nuove figure professionali, riforma la patente nautica, tutela i natanti, chiarisce alcuni aspetti del leasing, rende più competitiva la bandiera italiana e soprattutto semplifica gli adempimenti a carico dell’utenza».

«E’ stato fatto un grande sforzo, anche di ascolto” – dichiara la presidente di Ucina Carla Demaria – e per questo tutti insieme plaudiamo i presidenti delle commissioni Altero Matteoli e Michele Pompeo Meta, i relatori del provvedimento Raffaele Ranucci e Alberto Pagani, senza i quali oggi non avremmo avuto queste importanti indicazioni nei tempi utili. Soprattutto ringraziamo il ministro Graziano Delrio, il capoufficio legislativo, Amm. Pietro Vella, il capo di gabinetto, Mauro Bonaretti, e la direzione del Trasporto marittimo per la dedizione e l’attenzione mostrata in tutto l’iter del provvedimento. Le novità normative sono moltissime– conclude Demaria– e fra tutte vorrei ricordare il registro telematico delle unità e l’inserimento di una giornata nelle scuole italiane dedicata alla cultura del mare».

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here