Genova: tornano i Rolli Days, tutte le novità della prossima edizione

Porte aperte gratuitamente nel fine settimana del 14 e 15 ottobre

Sabato 14 e domenica 15 ottobre tornano a Genova i Rolli Days, la manifestazione culturale che promuove e valorizza il Sistema delle Strade Nuove e dei Palazzi dei Rolli, riconosciuto come Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco dal 2006, che attrae centinaia di migliaia di visitatori in città.

Il sito Unesco annovera nel Patrimonio dell’Umanità 42 palazzi aristocratici di un sistema che ne comprendeva sino a 114, edificati dai migliori architetti del Cinque e del Seicento e decorati dalle opere di pittori di fama internazionale come Domenico Piola, Orazio Gentileschi, Pieter Paul Rubens, Luca Cambiaso e Gregorio De Ferrari.

I Palazzi, con la ricchezza architettonica, artistica, storica e culturale che conservano, e con la straordinaria diffusione che hanno nel centro storico genovese, sono la chiave per una riscoperta culturale e turistica della città.

#Rolliambassador

Sono 6 e sono stati selezionati grazie al contest lanciato ad aprile durante la prima edizione 2017: i nuovi social ambassador dei Rolli days per l’edizione di ottobre 2017 sono Flavio Pagano @dejalanuit, Elena Parodi @elena_green, Francesca Belfiore @franbelf, Salvatore Russo @salvaru, Selene Scinicariello @s.scinic e Giulia Sarno @nuovoleacolazione. Gli scatti vincitori sono stati selezionati tra oltre 800 fotografie condivise su Instagram con l’hashtag #RolliAmbassador.

Nel fine settimana del 14 e 15 ottobre il progetto concluderà la sua seconda fase con il takeover degli Instagramers vincitori: gli amasciatori potranno postare direttamente sul profilo Instagram di GenovaMoreThanThis e racconteranno i dietro le quinte delle giornate.

 

In questa edizione il percorso si snoda da via Garibaldi a via dei Giustiniani, toccando via Balbi, via del Campo, via San Luca alla scoperta di una città nuova, innestata sulla trama dei vicoli di origine medievale.

Per la prima volta si apre Palazzo Gio Carlo Brignole (Durazzo) di piazza della Meridiana 2 caratterizzato dal portale marmoreo con telamoni scolpiti da Filippo Parodi. Al piano nobile si può ammirare l’intervento decorativo sulle volte di Gregorio De Ferrari e del figlio Lorenzo. Risale a un’epoca più recente (intorno al 1820) la decorazione delle due parti dell’atrio, opera rispettivamente di Giuseppe Isola per le parti di figura e di Federico Leonardi per le grottesche e il rifacimento dei pavimenti in pregiati marmi policromi.

Sempre in tema di novità, da non perdere l’esposizione al Palazzetto Criminale di via T.Reggio, antica sede dell’Archivio di Stato di Genova, di cinque rolli, ovvero elenchi originali datati 1576, 1588, 1599, 1614, 1664, nei quali sono registrati i palazzi che dovevano accogliere gli ospiti di Stato, suddivisi per categoria.

In questa edizione sono due i filoni tematici che permetteranno di approfondire la conoscenza della Genova dell’epoca: con l’apertura dell’Albergo dei Poveri (piazza E. Brignole) e dell’Archivio Storico della Fondazione Magistrato di Misericordia (via dei Giustiniani) il visitatore si metterà sulle tracce dei benefattori e mecenati genovesi per scoprire la vocazione alla beneficenza della società genovese e ligure e di molte delle famiglie che vivevano nei Palazzi dei Rolli.

L’opportunità data dall’apertura della prima mostra monografica dedicata al pittore Domenico Piola a Palazzo Lomellino (via Garibaldi 7) e nei Musei di Strada Nuova di Palazzo Bianco e Palazzo Rosso ci permetterà poi di andare alla scoperta di questo protagonista della pittura genovese del XVII secolo anche in tanti altri palazzi e sedi prestigiose: da Palazzo del Principe al Museo di Palazzo Reale alla Galleria di Palazzo Spinola di Pellicceria e ancora Accademia Ligustica di Belle Arti, Museo di Sant’Agostino, Museo Diocesano, Palazzo San Giorgio e nelle Chiese.

La mappa dei Rolli, clicca per ingrandire

Di seguito è possibile consultare l’elenco di tutti i Palazzi aperti gratuitamente al pubblico:

1. Palazzo Pantaleo Spinola – Via Garibaldi 2 – interni visitabili

2. Palazzo Franco Lercari (Parodi) – Via Garibaldi 3 – interni visitabili

3. Palazzo Tobia Pallavicino – Via Garibaldi 4 – interni visitabili

4. Palazzo Angelo Giovanni Spinola – Via Garibaldi 5 – atrio visitabile

5. Palazzo G. Battista Spinola – Via Garibaldi 6 – atrio visitabile

6. Palazzo Nicolosio Lomellino – Via Garibaldi 7 – interni visitabili

7. Palazzo Nicolò Grimaldi (Musei di Strada Nuova – Palazzo Tursi) – Via Garibaldi 9 – interni visitabili

8. Palazzo Ridolfo Maria e Gio Francesco I Brignole Sale (Musei di Strada Nuova – Palazzo Rosso) – Via Garibaldi 18 – interni visitabili

9. Palazzo Luca Grimaldi (Musei di Strada Nuova – Palazzo Bianco) – Via Garibaldi 11 – interni visitabili

10. Palazzo Gerolamo Grimaldi (Palazzo della Meridiana) – Salita San Francesco 4 – atrio visitabile

11. Palazzo Gio Carlo Brignole (Palazzo Durazzo) – Piazza della Meridiana 2 – interni visitabili NOVITA’

12. Palazzo Stefano Lomellini (Palazzo Doria Lamba) – Via Cairoli 18 – atrio visitabile

13. Palazzo Giacomo Lomellini (Patrone) – Largo Zecca 2 – interni visitabili (su prenotazione)

14. Palazzo Nicolò Lomellini (Palazzo Lauro) – Piazza della Nunziata 5 – atrio visitabile

15. Palazzo Giacomo e Pantaleo Balbi (Università degli Studi di Genova) – Via Balbi 4 – interni visitabili

16. Palazzo dell’Università (ex Collegio dei Gesuiti) – Via Balbi 5 – interni e Orto Botanico visitabili

17. Palazzo Stefano Balbi (Museo di Palazzo Reale) – Via Balbi 10 – interni visitabili

18. Palazzo Cesare Durazzo – Via del Campo 12 – interni visitabili

19. Palazzo B. Invrea – Via del Campo 10 – atrio visitabile

20. Palazzo Gio Battista Centurione – Via del Campo 1 – interni visitabili solo da gruppi guide

21. Palazzo Giorgio Centurione – Via Lomellini 5 – interno visitabile solo da gruppi guide

22. Palazzo Francesco Grimaldi (Galleria Nazionale di Palazzo Spinola) – Piazza Pellicceria 1 – interni visitabili

23. Palazzo Nicola Grimaldi – Vico San Luca 2 – interni visitabili

24. Palazzo G.B. Grimaldi – Vico San Luca 4 – interni visitabili solo da gruppi guide

25. Palazzo Ambrogio Di Negro – Via San Luca 2 – interni visitabili

26. Palazzo De Marini Croce – Piazza De Marini 1 – atrio visitabile

27. Palazzo Gio Vincenzo Imperiale – Piazza Campetto 8 – interni visitabili

28. Palazzo Saluzzo – Via Chiabrera 7 – atrio visitabile

29. Palazzo Giustiniani (Casa America) – Via Giustiniani 12 solo sabato

30. Palazzo Cattaneo della Volta – Piazza Cattaneo 26 – interni visitabiliVilla del Principe – Piazza del Principe 4

Palazzetto Criminale – archivio di Stato (via T. Reggio, 14)

Fondazione Magistrato di Misericordia – via dei Giustiniani 25/4

Albergo dei Poveri – Piazza E. Brignole

Collezioni Banca Carige – via Cassa di Risparmio 15

Sede Iren Via SS. Giacomo e Filippo 9

Aperta anche la collezione d’arte della Banca Carige (via Cassa di Risparmio 15): quadri, maioliche, stampe e monete disegnano un percorso entro la storia dell’antica Repubblica di Genova. Inoltre sempre negli spazi della Banca si potrà ammirare la mostra fotografica “Ritorno a Genova” (Gênes et ses environs) che restituisce inedite visioni di Genova a fine Ottocento. I visitatori confronteranno la città di allora con quella odierna, ammirando il meraviglioso panorama visibile dall’ultimo piano della sede di Banca Carige.

Da segnalare anche l’apertura della sede Iren, nei locali dell’attuale salone clienti Iren, situati nell’ex sala capitolare e nel refettorio del convento di San Bartolomeo. Si potranno ammirare numerosi affreschi secenteschi di scuola genovese.

Al Museo di Sant’Agostino (piazza Sarzano 35) si potrà riscoprire, grazie all’accurato restauro di importanti affreschi datati 1650 circa, un altro protagonista del barocco genovese: Valerio Castello. Gli affreschi provengono da palazzo Sacchi-Nemours (già Doria) di piazza San Matteo.

Palazzo Lercari

Per chi preferisce un percorso accompagnato da guide turistiche abilitate, saranno disponibili visite guidate tematiche a una selezione dei palazzi, in italiano, inglese, francese per bambini e famiglie. Le visite si possono acquistare on line su www.visitgenoa.it/it/store o di persona presso gli uffici Iat.

Per chi vorrà scegliere di scoprire i palazzi liberamente, come consuetudine, anche questa edizione verranno riproposte le speciali visite agli interni a cura degli studenti e dei ricercatori in Beni Culturali dell’Università degli Studi di Genova che saranno a disposizione del pubblico per illustrare la magnificenza delle antiche dimore e i capolavori dei grandi maestri che le realizzarono e decorarono. Oltre agli studenti di Beni culturali saranno coinvolti anche gli studenti di Lingue e Architettura.

I Rolli Days rappresentano anche un’occasione di sensibilizzazione e formazione dei giovani alla condivisione del patrimonio artistico e culturale della città. Un’importante opportunità per gli studenti di mettere in gioco le proprie competenze relazionali, linguistiche e comunicative oltre che un motivo per sperimentare azioni di cittadinanza attiva. Gli studenti con il loro entusiasmo, saranno un giovanissimo “personale d’accoglienza” per tutti i cittadini e i turisti che visiteranno Palazzi e Ville in questi giorni.

In questa edizione sono stati coinvolti studenti delle Scuole Superiori, in particolare: Istituto Firpo-Buonarroti, Istituto Rosselli, Fulgis Liceo Linguistico Deledda, Liceo Scientifico Cassini, Liceo Classico Colombo, Liceo Classico e delle Scienze Umane Collegio Emiliani – Padri Somaschi

Inoltre, per rendere i Rolli Days accessibili a tutti sono organizzate visite guidate dedicate alle persone con disabilità.

Per tutte le informazioni sul programma e le modalità di visita, che sono ancora in aggiornamento: www.visitgenoa.it ; www.rolliestradenuove.it.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here