Chiudono in rosso per il terzo giorno consecutivo le Borse europee a causa della crescente tensione tra Usa e Corea del Nord. A Londra l’Ftse 100 segna – l’1,08% a 7.309,96 punti, a Parigi il Cac -1,06% a 5.060,92 punti, resiste sulla parità, a 12.014,06 punti, soltanto il Dax di Francoforte. Giù anche Milano, con Ftse Italia All-Share a 23.576,27 punti (-1,44%) e Ftse Mib a 21.354,02 punti (-1,51%).

A Piazza Affari le vendite hanno colpito in particolare Saipem (-3,5%), Ferrari (-3%), Ubi (-2,9%), Exor (-2,9%) e Stm (-1,8%).

I timori per le prospettive politiche hanno portato l’oro nuovamente in area 1.290 dollari l’oncia, sui massimi di circa due mesi. Debole invece il petrolio, con il Brent (-0,2%) a 51,8 dollari e il Wti (-0,3%) a 48,4 dollari.

Sull’obbligazionario lo spread Btp-Bund si attesta in area 164 punti base, con il rendimento del decennale italiano poco sopra la soglia del 2% e quello dell’omologo tedesco sceso allo 0,38 per cento.

 

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.