Non capita tutti i giorni di assistere al restauro di opere d’arte dal vivo. Si può fare sino al 15 luglio a Genova grazie ai cantieri didattici della Fondazione Centro Conservazione e Restauro “La Venaria Reale”.

Le docenti Alessandra Bassi e Sandra Vasquez, si prenderanno cura di alcune opere del Museo di Villa Croce, delle Raccolte Frugone e della Galleria d’Arte Moderna, con interventi conservativi.

In ognuna delle sale dei tre musei, allestite come veri e propri laboratori “open space”, docenti e allieve del centro di restauro torinese, interverranno su alcune opere d’arte.

Il pubblico potrà assistere, nel corso della mattina o del pomeriggio, ai vari interventi conservativi – realizzati nell’ambito dei tirocinii curricolari degli studenti del IV anno del Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali sotto la guida esperta di docenti specializzate – che riguarderanno dipinti variamente datati tra la seconda metà dell’Ottocento e gli anni settanta del Novecento, e potrà porre domande alle docenti e alle allieve di “La Venaria Reale” e soddisfare curiosità sulle  modalità del restauro.

Le operazioni di diagnostica, conservazione e restauro sono finalizzate alla formazione dei restauratori nell’ambito dell’attività didattica del Corso di Laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali e saranno, grazie ad una convenzione col Comune di Genova – Settore Musei e Biblioteche, a integrale carico del Centro Conservazione e Restauro “La Venaria Reale” per tutti gli aspetti di materiali, di manodopera, di coperture assicurative di opere d’arte, allievi e docenti.

Gli interventi di restauro relativi ai dipinti che rientrano nell’azione di tutela del Codice dei Beni Culturali saranno effettuate sotto l’Alta Sorveglianza della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Genova.

Le opere interessate dagli interventi:

Al Museo di Villa Croce: oltre a Composizione, 1950-53 ca., una tempera e vernice su faesite del 1950-53 realizzata dall’ artista e performer genovese Plinio Mesciulam, saranno compiuti interventi su alcuni pezzi molto importanti del ben noto Fondo Maria Cernuschi Ghiringhelli.
In particolare saranno oggetto di studio e di varie attività conservative gli acrilici su tela di Valentino Vago, Senza titolo,  del 1960;  di Bice Lazzari, La linea rossa, del 1966 e di Paolo Ghilardi, Verde+rosso+nero+arancione+azzurro, del 1971.

Alle Raccolte Frugone: si interverrà su due splendide tele dello spagnolo Joaquìn Sorolla y Bastida, Sonnellino in barca del 1895-96 e Ritorno dalla pesca del 1904, con interventi di ritensionamento delle tele, di pulitura superficiale e di consolidamento della pellicola pittorica.  Una particolare attenzione sarà dedicata all’olio su tela dell’inglese Allan Edmund Beeton, Fanciulla creola o West Indian Girl, acquistato da G. B. Lazzaro Frugone alla Biennale veneziana del 1924, per seri problemi di stabilità della superficie pittorica che presenta alcuni sollevamenti e una significativa crettatura.

In Galleria d’Arte Moderna: le cure saranno rivolte a una tela collezionata dal giovane principe Odone di Savoia che l’acquistò alla mostra della Società Promotrice di Belle Arti di Genova nel 1865: si tratta di Primi passi del pittore emiliano Gaetano Chierici. Sia il dipinto, sia la cornice originale che lo contiene presentano seri deterioramenti, il primo delle vernici superficiali, la seconda dell’oro zecchino che la ricopre.

Il cantiere didattico sarà visitabile dal pubblico nei seguenti orari:

alle Raccolte Frugone e al Museo di Villa Croce dalle ore 9 alle ore 12.30 circa e dalle 13.30 alle 17 circa; sabato 15 luglio solo alla mattina, dalle ore 9 alle 12.30 circa.

In alcuni giorni della settimana, a discrezione della docente e delle esigenze di intervento, il Cantiere Didattico si sposterà in Galleria d’Arte Moderna per affrontare il restauro di Gaetano Chierici.

 

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here