Il protocollo d’intesa relativo al ripristino della sp 100 di Imperia con la realizzazione di una strada di collegamento provvisoria in grado di garantire nuovamente le connessioni tra i centri abitati della vallata è stato siglato oggi nella sede di Regione Liguria. Hanno sottoscritto il documento l’assessore regionale all’Urbanistica con delega alle Infrastrutture, Marco Scajola, i rappresentanti della Provincia di Imperia e dei Comuni di Mendatica, Triora, Briga Alta e della Provincia di Cuneo. Erano presenti anche gli assessori regionali allo Sviluppo economico Edoardo Rixi, al Lavoro e al Turismo Gianni Berrino e il consigliere regionale Alessandro Piana.

«Il protocollo siglato oggi – afferma Scajola – garantisce una risposta concreta e puntuale alle necessità di questo territorio, sanando finalmente una ferita che era rimasta aperta. Questa infrastruttura è infatti fondamentale anche sotto il profilo socio economico perché, dopo mesi di disagi, risponde alle esigenze delle attività commerciali e dei cittadini della vallata, ripristinando anche l’accesso alla vicina stazione sciistica. Senza dimenticare che per tante persone del Ponente ligure Monesi e tutta la vallata hanno un grande valore affettivo poiché negli ultimi trent’anni quelle zone sono state un riferimento per tante famiglie che lì trascorrevano i periodi di vacanza».

L’assessore alle Infrastrutture Giacomo Giampedrone ricorda che «dopo aver destinato al ripristino delle infrastrutture danneggiate una parte di fondi legate alle accise dei carburanti e aver distribuito anche le risorse destinate dal governo con il riconoscimento dello stato di emergenza nell’immediatezza degli eventi alluvionali, Regione Liguria, su mia proposta, ha approvato venerdì scorso in Giunta lo stanziamento di circa 500mila euro per la realizzazione di questa infrastruttura, attingendo allo stanziamento complessivo per 1 milione e 200mila euro dal Fondo Strategico dedicato a opere strategiche di tipo infrastrutturale. Questo intervento è infatti indispensabile per far uscire Monesi e l’intera vallata dall’isolamento dopo l’alluvione dell’autunno scorso che ha compromesso la SP100 di Imperia tra Monesi e la zona circostante».

Secondo Rixi «il protocollo di oggi è solo il primo passo: sarà necessario che il tavolo con gli enti locali prosegua per avviare i progetti di ricostruzione e riqualificazione che consentano il rilancio di Monesi, riaprendo la stazione sciistica e magari puntando sulla vocazione outdoor, dialogando con il territorio savonese e la Val Tanaro”.

«Da Monesi – sottolinea  Berrino – dipende anche l’economia dell’alta Valle Argentina e Arroscia. Questo primo intervento, seppur preliminare, è importante perché ridà ossigeno all’economia turistica, rappresentata in particolare dalla Limone-Monesi, dalla Via del Sale e dai campi da sci”.

È già stato individuato il tracciato della strada alternativa ed è pronto anche uno studio di fattibilità, mentre sono in corso gli accordi con i privati proprietari dei terreni. L’auspicio è arrivare al più presto all’approvazione del progetto con l’avvio del bando di gara per la realizzazione dell’opera entro il prossimo autunno.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here