Dal 17 al 22 luglio 2017, nel Parco delle Capanne di Marcarolo torna AppenninoLAB, promosso dalla Fondazione Edoardo Garrone. Cinque giorni di formazione e orientamento alla scoperta delle risorse ambientali, economiche, sociali e culturali dell’Appennino.

AppenninoLAB è promosso e organizzato dalla Fondazione Edoardo Garrone, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale della Liguria.

Giunto alla terza edizione, il progetto si pone in continuità e sinergia con i Campus RestartApp e RestartAlp, dedicati ai giovani aspiranti imprenditori del territorio montano, confermando l’impegno di Fondazione Edoardo Garrone per lo sviluppo della montagna attraverso il coinvolgimento delle giovani generazioni.

30 ragazzi, provenienti dalle scuole secondarie di secondo grado di Liguria e Piemonte, vivranno un’esperienza formativa a stretto contatto con la natura per approfondire il tema della valorizzazione dell’Appennino in tutti i suoi ambiti.

Momenti di lezione e confronto con esperti si alterneranno a esperienze didattiche sul campo, attività sportive all’aria aperta in collaborazione con Federazioni Sportive facenti parte del Coni e interventi di testimonial d’eccezione tra cui il climatologo Luca Mercalli e Roberto Cavallo, rifiutologo ed esperto nella gestione del ciclo dei rifiuti.

Orienteering nei boschi, mountain bike, tiro con l’arco, nordic walking e kayak sono alcuni degli sport outdoor, in cui giovani partecipanti potranno cimentarsi, scoprendo come questi possano essere occasione per la conoscenza e rivalutazione dell’ambiente montano.

Obiettivo del progetto è trasmettere ai giovani l’idea che l’Appennino possa offrire opportunità anche professionali, soprattutto grazie allo sviluppo di comparti economici come sport, turismo, cultura ed enogastronomia, reinterpretati e supportati da tecnologia e innovazione. Il percorso didattico consentirà così ai ragazzi di ricostruire un legame diretto con il passato, con il territorio e i suoi abitanti, acquisendo gli strumenti per rielaborarlo e proiettarlo verso il futuro.

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here