Sono iniziati, con il meeting del 3 e 4 luglio a Bruxelles, i lavori del network internazionale che si occuperà per i prossimi tre anni del tema dell’adattamento ai cambiamenti climatici nelle aree urbane, coordinato dal Comune di Genova che,  nello scorso aprile, è stato scelto dalle direzioni generali della Commissione Europea sullo Sviluppo Urbano per questa funzione di indirizzo e raccordo.

Il lavoro del “Climate Adaptation Partnership” punta a formulare proposte per migliorare l’attuale quadro normativo, rendendolo più adatto a realtà urbane in crescita, fornendo indirizzi sulle tematiche che potranno essere oggetto dei futuri finanziamenti dei Programmi Europei e proponendo modalità di scambio delle conoscenze e delle esperienze attraverso nuovi modelli di networking.

Fanno parte del network sei autorità locali (la Provincia di Barcellona e le Città di Glasgow, Trondheim, Potenza, Loulè in Algarve e Sfantu Gheorghe in Transilvania), quattro Stati membri (Francia, Polonia, Ungheria e Bulgaria) e tre direzioni generali della Commissione Europa (REGIO, CLIMA, ENV). Il programma prevede la partecipazione di organismi di rappresentanza delle amministrazioni locali (EuroCities e il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa) della Banca Europea d’Investimenti e dei Programmi europei di finanziamento (Interreg Europe, Urbact, Espon, ecc.).

Il tema dell’adattamento ai cambiamenti climatici, del quale si occuperà per i prossimi tre anni il gruppo di lavoro, è uno dei 12 temi inerenti allo sviluppo delle aree urbane (tra i quali qualità dell’aria, uso del suolo, economia circolare, energia, mobilità, migranti, ecc.) selezionati nel contesto dell’Urban Agenda per l’Unione Europea con la finalità di trovare soluzioni comuni a queste sfide, migliorando le aree urbane del territorio UE.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.