Ciò che delegittima il sindacato, quel sindacato, ovvero la Triplice, è un accordo siglato l’11 febbraio del 2003 con cui la Confitarma concede un versamento di 190 euro per marittimo imbarcato sia italiano-comunitario che extracomunitario proprio alla Triplice! Ma la Triplice non è italiana? Non dovrebbe difendere gli italiani? E allora perché percepisce soldi anche per i marittimi extracomunitari? A me, più che un conflitto di interessi, sembra una vera porcheria. Un tesoretto che vale per la Triplice una decina di milioni di euro e sui soldi evidentemente non sputano neppure i sindacati”.

Così l’armatore Vincenzo Onorato, numero uno del Gruppo Onorato Armatori, attacca Filt Cgil, Cisl e Uil Trasporti che non lo avrebbero sostenuto nella sua battaglia per  riservare i benefici fiscali del Registro Internazionale soltanto agli armatori che impiegano personale italiano/comunitario su navi con bandiera italiana.

“Sono mesi – afferma Onorato in una nota stampa – che combatto una battaglia per l’occupazione degli italiani. Pochi sanno che, per una vecchia legge del 1998, gli armatori italiani hanno la quasi totale esenzione dal pagare le tasse. Tanta generosità da parte dello Stato era e sarebbe dovuta all’impegno di imbarcare marittimi italiani. Con gli anni, anche con specifici accordi sindacali, gli armatori hanno disatteso quest’impegno imbarcando al posto degli italiani  lavoratori extracomunitari a stipendi da fame. Il risultato è disoccupazione per la nostra gente con la beffa che gli armatori continuano a non pagare le tasse”.

“Il 31 maggio – prosegue Onorato – la Triplice, Filt Cgil, Cisl e Uil Trasporti, ha prodotto un lungo comunicato stampa, nel quale ha invitato sia me che il presidente degli armatori, ad ‘abbassare i toni e sotterrare l’ascia di guerra’ sulla questione dell’imbarco dei marittimi italiani. Ho letto e riletto il comunicato che francamente lascia senza parole, perché sono solo parole. Mi si accusa di avere ‘un tono troppo aggressivo’ e ‘contenuti che richiederebbero un’analisi approfondita e non tifoserie’, si esortano studi e lavori per affrontare ‘le dinamiche complesse e variabili dell’occupazione dei marittimi italiani’…”

A breve, avverte l’armatore, “l’Italia estenderà le agevolazioni fiscali del Registro Internazionale Italiano anche alle compagnie che iscrivono le navi in altre bandiere dell’Unione Europea. Cosa vuol dire? Gli armatori italiani cambieranno bandiera, passando dall’italiana ad un’altra europea, conservando l’esenzione fiscale italiana e gli sgravi fiscali e contributivi per i marittimi. Liberi dalla bandiera italiana, potranno sbarcare quei pochi marittimi italiani che hanno ancora imbarcati e godere dell’immunità fiscale del nostro paese. Il danno e la beffa! Altro che difesa dell’occupazione! Altro che strategia occupazionale per i giovani! Il tutto poi a spese dello Stato Italiano e dei contribuenti italiani che pagano le tasse, anche a favore degli armatori italiani che non le pagano e non favoriscono l’occupazione”.

Secondo Onorato “oggi la nave sta rapidamente affondando, trascinando a fondo l’occupazione della nostra gente, per salvarla dobbiamo far approvare questa legge: navi con bandiera italiana in cabotaggio nazionale, a bordo imbarcati solo italiani/comunitari; navi con bandiera italiana in servizio internazionale, la tabella di sicurezza deve essere formata solo da marittimi italiani /comunitari. Solo con questi presupposti si potranno conservare i benefici fiscali del Registro Internazionale. È tempo di muoverci con determinazione e senza esitazione – conclude Onorato –   chi non la pensa così è solo un nemico dei marittimi, un parolaio che non merita alcun rispetto ed è al soldo degli armatori cosiddetti italiani”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.