Oltre 2 milioni e 500 mila le presenze registrate in Liguria nei mesi di aprile e maggio, con una crescita di oltre il 10% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Questi gli ultimi dati sul turismo pubblicati dall’Osservatorio turistico regionale.

«Un ottimo risultato – commenta l’assessore regionale al Turismo Gianni Berrino – quello del periodo primaverile con i ponti di Pasqua, 25 aprile e 1° maggio. Un assaggio d’estate che ha visto, ancora una volta, negli ultimi due anni, la Liguria grande protagonista sulla scena turistica nazionale».

A fare la parte del leone nelle presenze registrate dall’Osservatorio, sono gli italiani (1,3 milioni) cresciuti del 20% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, mentre le presenze straniere si stabilizzano sul 1 milione e 100 mila, comunque in lieve crescita (+0,56%).

Savona raccoglie il maggior numero di presenze, poco meno di 843 mila visitatori, segue Genova con 733 mila presenze, poi La Spezia con oltre 497 mila e infine Imperia con 493 mila. «Le basi per la stagione estiva sono decisamente positive – continua Berrino – con #lamialiguria estate e con il red carpet che unirà simbolicamente 100 km del nostro territorio, puntiamo a implementare la valorizzazione anche dell’entroterra, dei borghi, costieri e non, delle nostre eccellenze enogastronomiche e culturali».

Tra gennaio e aprile 2017 si contano oltre 3 milioni di presenze totali in Liguria, quasi 2 milioni e 80 mila italiani e poco più di 925 mila stranieri. La crescita complessiva è del 5,67% rispetto allo stesso periodo del 2016. Nel dettaglio regionale, le presenze nei primi quattro mesi dell’anno sono così distribuite: a Genova quasi 879 mila turisti (+3,75%), 683 mila circa a Imperia (+7,28%), alla Spezia 391 mila (+16,95%), infine a Savona ben 1 milione e 50 mila (+2,58%).

Nel corso del 2016 le 70 milioni di presenze registrate in Liguria hanno generato sul territorio regionale un impatto economico complessivo stimato in 5 miliardi e 658 milioni di euro per alloggio e ristorazione, enogastronomia, shopping, cultura e divertimenti, trasporti locali e altre spese sostenute nel corso della vacanza turistica nella regione. Tale impatto risulta in crescita rispetto al dato 2015, quando ammontava a 5 miliardi e 316 milioni di euro.

Il Prodotto Interno Lordo del turismo in Liguria è stimato in 3 miliardi e 818 milioni di euro, pari all’8% del PIL regionale. Di questo 8%, quasi la metà è attivata dall’industria dell’ospitalità ricettiva, tra alloggio e ristorazione.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here