Studiare una gestione innovativa dei servizi di trasporto marittimo merci per alleviare l’isolamento dei territori insulari del Mediterraneo. È l’obiettivo del progetto europeo Go Smart Med (Gouvernance des services maritimes des transports dans la Méditerranée), di cui fa parte, come partner anche la Camera di Commercio di Genova

Il 19 e il 20 aprile la prima riunione a Nizza e l’evento di lancio del progetto, che è finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale, durerà 18 mesi e vede come capofila il Cirem dell’Università di Cagliari (Centro interuniversitario ricerche economiche e mobilità)

Go SMarT Med studierà una nuova governance strategica per coordinare le connessioni tra i porti e migliorare la connessione dei nodi secondari e terziari dell’area di cooperazione alle reti Ten-T. In programma la realizzazione di uno studio di fattibilità che verifica il grado di efficienza di un nuovo sistema di rete, ottimizzato per il coordinamento di servizi esistenti di trasporto marittimo delle merci via ro-ro e container.

I partner

CentraLabs (It), Camera di commercio e dell’industria di Bastia e dell’alta Corsica (Fr), Centro di servizi polo universitario sistemi logistici di Livorno-Università di Pisa (It), Camera di commercio della Maremma e del Tirreno (It), Camera di commercio di Genova (It), Gip Fipan – Groupement d’Intérȇt public Formation et Insertion Professionelles Académie de Nice (Fr).

Il sistema, oggetto del progetto di governance, è orientato all’integrazione delle tariffe (minori costi per il cliente), degli orari (minore tempo di viaggio) e delle frequenze di linee di trasporto marittime operanti nell’area di studio.

Beneficiari del nuovo sistema sono le compagnie marittime, le aziende che inviano/ricevono merci (clienti del servizio), gli operatori portuali (agenzie marittime, spedizionieri, agenzie di lavoro portuale, trasportatori), i rappresentanti di istituzioni pubbliche/decisori politici. Lo studio di fattibilità è un lavoro transfrontaliero coordinato, realizzato con il contributo di partner delle regioni coinvolte nel programma.

 

 

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here