Beppe Grillo non ha il potere di veto sulle decisioni delle assemblee telematiche dell’M5S e non ha un potere di intervento nel procedimento di selezione delle candidature , anche se è il capo del movimento. Così il giudice Roberto Braccialini del Tribunale di Genova motiva l’ordinanza con cui ha accolto l’istanza di Marika Cassimatis.

“Le assemblee telematiche – precisa il magistrato – producono deliberazioni vincolanti per il capo politico e per gli eletti e Grillo ha un ruolo di indirizzo e impulso particolarmente penetrante che però, in materia di candidature locali, non si identifica nel diritto di ultima parola”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.