Il consiglio comunale della Spezia ha approvato il nuovo Piano urbanistico comunale. «La cifra del nuovo Puc – dichiara il sindaco Massimo Federici – è il coraggio di scelte nette. La Spezia ha da oggi uno degli strumenti urbanistici più avanzati nel panorama nazionale sotto il profilo delle tematiche ambientali, paesaggistiche, della sostenibilità, della valorizzazione dei quartieri, del sostegno alla piccola distribuzione, dello stop ai grandi contenitori commerciali, frutto dei precedenti strumenti urbanistici. Il nuovo Piano urbanistico comunale è la cornice di una città che in questi anni è già cambiata ed è soprattutto lo strumento dell’ulteriore divenire di questo cambiamento».

Tra i punti qualificanti dello strumento urbanistico, innanzitutto la conferma del blocco alle nuove costruzioni in collina e la messa a sistema di azioni integrate per la loro salvaguardia e valorizzazione: progetto campagna urbana, interventi di mitigazione del rischio idrogeologico, il progetto di valorizzazione del sistema dei forti, l’attuazione del parco delle mura e del progetto sulla sentieristica “L’arco e le frecce”, il recupero e l’ampliamento dei fabbricati esistenti legato all’impegno della manutenzione del territorio. Un nuovo modo di pensare la collina rispetto al passato, con l’obiettivo di uno sviluppo turistico sostenibile e di garantire prioritariamente la manutenzione ordinaria del territorio che è un fattore strategico per la prevenzione dal rischio idrogeologico.

Per la rigenerazione della città esistente si facilitano le procedure e si garantisce una maggiore flessibilità per superare problemi di attuabilità di progetti di ricomposizione urbana. Il Puc prevede la scomposizione dei siti interessati a grandi trasformazioni in porzioni più piccole, per eliminare l’eccessiva frammentazione delle proprietà e favorire così le iniziative.

Con il nuovo Puc si sceglie di eliminare le previsioni grandi strutture di vendita, area ex Sio e area ex Ip, e di grandi volumi come i grattacieli nel waterfront e nell’area ex Ip.

«Il nuovo Piano urbanistico comunale – commenta l’assessore alla Pianificazione territoriale Cristiano Ruggia – si fonda su una concezione di equilibrio tra le prioritarie esigenze di sostenibilità ambientale e quelle di superare l’immobilismo, determinato dall’eccessiva estensione delle aree di trasformazione del Puc vigente con l’obiettivo di facilitare interventi più piccoli, più minuti e più sostenibili sotto il profilo della rigenerazione ambientale».

È la conclusione di un lavoro di lungo periodo che ha visto la definizione delle linee di indirizzo attraverso percorsi partecipati, come assemblee pubbliche e incontri con enti, istituzioni, associazioni. L’obiettivo è arrivare a una dimensione di città smart: una città sostenibile e capace di gestire le proprie risorse in modo creativo e non dissipativo.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here