Chiudono positive le Borse europee, incoraggiate dallo scatto di Parigi. A tre giorni dal primo turno delle elezioni presidenziali i sondaggi danno in testa Emmanuel Macron, il candidato di centrosinistra che gli operatori finanziari vedono probabilmente come il più rassicurante per il suo europeismo. A spingere i listini europei è stato anche l’andamento positivo di Wall Street, che si è rialzata dopo tre sedute consecutive di ribasso, nonostante alcuni dati macro non positivi (calo dell’indice Fed di Filadelfia e aumento dei sussidi di disoccupazione oltre le attese). I mercati, comunque, mantengono una prudenza di fondo dovuta alle tensioni internazionali, soprattutto in Siria e Corea del Nord.

A Londra l’Ftse 100 guadagna lo 0,06% a 7.118,54 punti, a Parigi il Cac l’1,48% a 5.077,91 punti, a Francoforte il Dax lo 0,09% a 12.027,32 punti. Positiva Wall Street. Milano termina con Ftse Italia All-Share a 21.976,82 (+0,16%) e Ftse Mib a 19.849,44 (+0,13%)

A Piazza Affari deboli titoli dell’energia, complice il calo del prezzo del greggio, mentre
hanno guadagnato i bancari, Fca e il lusso.

Tra le banche bene Banco Bpm (+2,50%), Bper sul +1,46%, Unicredit +1,83%, Ubi +3,08%,Mediobanca +2,15%.

Nel lusso Yoox (+5,88%), Ferragamo sale dell’1,41% e Moncler dello 0,83%.

Ancora positiva Fiat Chrysler (+1,22%) in scia ai buoni dati delle immatricolazioni in Europa.

Nell’energia scendono Enel (-1,35%), A2A (-1,34%), Snam (-0,84%), Saipem (-2,22%)
alla vigilia dei conti, Tenaris -1,78%.

Fuori dal paniere principale, ha perso quota la Juventus (-5,25%), nonostante il pareggio ieri con il Barcellona che ha consentito alla squadra bianco-nera di accedere alle semifinali di Champions League. I titoli hanno risentito delle prese di beneficio dopo il +38% registrato nell’ultima settimana.

Sul fronte dei cambi, l’euro viene scambiato a 1,0762 dollari (da 1,071 di ieri in chiusura). La divisa vale inoltre 117,54 yen (da 116,78), mentre il dollaro-yen si attesta a 109,18 (da 108,99). Resta forte la sterlina, anche se sotto i massimi da sei mesi toccati ieri sul dollaro oltre quota 1,29: si attesta a 1,2837 dollari (da 1,2819) e 0,8384 nel cross con l’euro (da 0,8356).

Volatile il prezzo del petrolio dopo lo scivolone della vigilia sull’aumento della produzione americana: il Wti, salito per gran parte della seduta, ha ripiegato, mentre adesso oscilla attorno ai valori di ieri di 50,88 dollari al barile.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here