Riscontro positivo per il workshop, che si è chiuso ieri, organizzato a Londra dagli enti della promozione turistica di Liguria, Piemonte e Lombardia. 45 seller italiani, 15 per ciascuna delle tre Regioni del Nord Ovest, hanno incontrato una settantina di buyer del Regno Unito.

«La collaborazione è funzionale a vendere un prodotto turistico come quello italiano, che da sempre attrae molto gli inglesi – dice Fidanza – presentarci con un pacchetto di proposte integrato fra le tre regioni è una scelta intelligente e quasi obbligata, in un mercato sempre più globale e con tour operator sempre più attenti a fare proposte di vacanza accattivanti. Noi abbiamo portato in dote il nostro mare, ma anche la nuova formula del turismo attivo e il patrimonio enogastronomico che tanto attira i nostri amici britannici».

L’appuntamento di queste giornate londinesi si è svolto con la modalità del workshop: incontri tra offerta e domanda, chiave per trasformare la promozione in business.

Un recente studio conferma che l’Italia resta insieme alla Grecia in cima alla classifica delle preferenze dei viaggiatori britannici. Tra le maggiori ragioni che spingono i turisti a venire a visitare l’Italia c’è l’enogastronomia: in molti prediligono quei tour che permettono di scoprire le peculiarità di un territorio attraverso i suoi prodotti tipici. A questo si aggiungono la natura, il mare e la cultura.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here