Le nostre associazioni sono disposte a valutare e accogliere ogni proposta volta a garantire il mantenimento della sede direzionale e operativa di Amiu a Genova con un piano di recupero in 30 anni e non in 10 degli extracosti sostenuti da Amiu per mettere in sicurezza Scarpino e portare i rifiuti fuori regione, in modo da ridurre l’impatto su una Tari già insostenibile per le nostre imprese”. È quanto si legge nella nota congiunta diffusa da Ascom Confcommercio, Cna, Confartigianato e Confesercenti a proposito delle ultime vicende Amiu-Iren.

“Ci auguriamo – si legge ancora nella nota – che la delibera venga rivista accogliendo le proposte e le osservazioni da noi già formulate e allora saremo parte attiva di un’azione volta a spiegare ai nostri imprenditori la necessità di un’aggregazione che possa garantire stabilità a chi si deve occupare della raccolta nella nostra città”.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.