Chiudono tutte in positivo le Borse europee in assenza di forti stimoli dopo la pausa natalizia e prima delle feste di fine anno. Ai mercati è mancato il punto di riferimento di Londra, ancora chiusa, mentre Wall Street ha ripreso in progresso anche sulla scorta di buoni dati macroeconomici.

Milano registra Ftse Italia All-Share a 21.071,47 (+0,31%) e Ftse Mib a 19.390,83 (+0,24%), Parigi ha segnato +0,18%, con l’indice CAC-40 a 4.848,28 punti, Francoforte +0,19%, con il Dax a 11.472,24.

A Piazza Affari in evidenza Parmalat, dopo l’annuncio dell’Opa che lancerà l’azionista di controllo Lactalis, finalizzata a revocare la quotazione di Borsa. Il titolo si è immediatamente adeguato al prezzo di offerta di 2,80 euro, anzi superandolo con un rialzo
del 10,12% e chiusura a 2,83.

Rimane l’interesse per Mediaset, che chiude in rialzo del 2,79%.

Deboli le banche, dopo la notizia della maxi richiesta della Bce per la ricapitalizzazione del Monte Paschi. Cedono in particolare Bpm (-3,95%) e Banco Popolare (-3,70%) a pochi giorni dalla fusione. Intesa -0,33%, Unicredit -0,49%.

Enel sale dell’1,02%, Saipem +1,66%, Tenaris +1,18%, Italgas +1,14%. Bene Fiat Chrysler con +1,16%.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.